Vergassola e la Monti punte di diamante della nuova stagione del Teatro della Juta di Arquata Scrivia.

Il cartellone 2018-2019 al via il 10 novembre con il comico ligure e lo spettacolo “Sparla con me”.

0
350

Nuova stagione teatrale alla Juta di Arquata Scrivia, organizzata dall’associazione culturale Commedia Community con il patrocinio del Comune e il sostegno della Fondazione Piemonte dal Vivo. Le punte di diamante saranno Dario Vergassola e Maria Amelia Monti.

Sabato 10 novembre SPARLA CON ME con Dario Vergassola. Per il suo ultimo recital, il comico ligure prende spunto dai successi televisivi di “Parla con me”, presentando al pubblico i momenti più esilaranti degli incontri nel salotto di Serena Dandini e ripercorre a ritroso la sua carriera, segnata dal calore degli amici del bar, la non semplice relazione con la suocera, la movida davanti all’unico bancomat di La Spezia. Una serata ricca di risate, freddure e musica, con un’unica costante: l’amore dell’attore per la propria terra d’origine, la Liguria.

Sabato 15 dicembre 2018 CHRISTMAS PARTY, coproduzione Compagnia Teatro della Juta e Saint Nicolas Gospel Choir. Un vero e proprio varietà natalizio in cui si alterneranno gli attori e i cantanti della Compagnia della Juta e il grandioso ensamble del Saint Nicolas Gospel Choir, con i suoi numerosi coristi e strumentisti. Divertenti letture e monologhi, canzoni e tante sorprese; un’occasione spensierata per festeggiare il Natale e brindare col pubblico di Arquata.

Sabato 12 gennaio 2019 RIPORTAMI LA’ DOVE MI SONO PERSO. Di Luca Zilovich (Officine Gorilla). Con Maria Rita Lo Destro e Michele Puleio. Luca Zilovich firma testo e regia di questo spettacolo che può essere considerato il capitolo 2 del precedente “Love date”, già presentato con grande successo nella stagione 2016/17 sul palco del Teatro della Juta. In questa nuova sfida però il discorso si allarga, non limitandosi solo all’amore, ma ponendo lo sguardo su come il nostro quotidiano interviene sul concetto che noi oggi abbiamo dell’amore. Si affronta, quindi, il tema delle relazioni viste come labirinti in cui ci si può perdere ma anche ritrovarsi: tutto sta nella capacità di rintracciare il punto in cui ci si è smarriti.

Maria Amelia Monti

Sabato 16 febbraio 2019 I PROVINCIALI. BALLATE PER INGUARIBILI OTTIMISTI – fuori abbonamento Paolo Toso feat. Teatro della Juta. Con Marta Borille e Simone Guarino. Le canzoni del musicista arquatese Paolo Toso saranno la colonna sonora di un racconto quasi di frontiera. La vita in un piccolo paesino di provincia può essere non troppo semplice se sei giovane, ma non troppo e se sogni di fuggire ma per diversi motivi non riesci a farlo. O se non ci hai mai provato davvero. I testi di Enzo Ventriglia e le poesie di Edoardo Firpo accompagneranno i due protagonisti fino al sorprendente, o forse inevitabile finale.

Venerdì 29 marzo 2019 S’E’ FATTO TARDI MOLTO PRESTO. Con Maria Amelia Monti. Maria Amelia Monti, attrice di grande popolarità, affiancata dalla voce narrante del noto drammaturgo Edoardo Erba, ci accompagna in un viaggio alla scoperta degli autori più interessanti della poesia contemporanea che hanno avviato riflessioni sul tempo (da Sanguineti alla Szymborksa, dalla Lamarque a Catalano). Tra versi intensi ed anticonvenzionali, le musiche eseguite dal vivo dal maestro Massimiliano Gagliardi, trovano spazio ideale in un dialogo tra note e letteratura che affronta il concetto di tempo ai giorni nostri.

Venerdì 12 aprile 2019 CYRANO. Di Edmond Rostand. Compagnia Mulino ad Arte. Con Pierpaolo Congiu, Lia Tomatis, Daniele Ronco. Il testo di Rostand offre la possibilità di esplorare diversi registri, che si muovono dal lirico al comico al melodrammatico. “Cyrano” attraversa questa molteplicità in maniera semplice, quasi popolare, senza perdere un rigore estetico e formale. La parabola di Cyrano ci tocca perché ci ricorda quanto può costare non cedere all’ingiustizia e alle prepotenze, e quanto sia difficile esprimere e capire i nostri sentimenti più profondi.

Sabato 27 aprile 2019 LA SIGNORINA PAPILLON. Di Stefano Benni. Associazione Culturale Commedia Community-Teatro della Juta. La signorina Papillon (nel paese dei brutti sogni) è la più esilarante fra le opere teatrali scritte da Stefano Benni, e porta in scena un mondo popolato da poeti eccentrici e da cortigiane parigine, militari in carriera e fratelli massoni, in una Parigi corrotta di fine ottocento. Uno spettacolo raffinato ed elegante, con una vena comica e surreale che il regista è capace di rendere al meglio in questa sua personale versione.

Tutti gli spettacoli cominceranno alle 21. l’ingresso sarà a 10 euro intero, 8 euro ridotto. Abbonamento intero, 54 euro, ridotto 46 euro. Dal 13 ottobre prenotazione dei biglietti o degli abbonamenti nell’atrio del municipio. Info: 345-0604219, [email protected]