Vignole: Una storia inventata dai bimbi dedicata a chi non può leggere

0
439

E’ stato tradotto in “Comunicazione Aumentativa”, il racconto  ideato e illustrato dagli alunni della classe V della scuola elementare di Vignole Borbera.

Questo libretto, realizzato nell’ambito dell’Atelier creativo, è parte di una serie di storie inventate dai bambini della scuola. Il progetto dei Cantastorie digitali vuole sottolineare l’importanza dell’inclusione attraverso l’insegnamento di un codice linguistico denominato CAA fatto di immagini e non di parole per arrivare a tutti senza esclusioni. In sostanza la Comunicazione Aumentativa Alternativa è un approccio clinico che ha lo  scopo univoco di offrire alle persone con bisogni comunicativi complessi la possibilità di comunicare tramite canali che si affiancano a quello orale. Uno strumento efficace per favorire l’accesso alla lettura di un bambino con disabilità , utile anche per i bambini stranieri per i primi approcci con la lingua locale e di supporto allo sviluppo di tutti i bambini . La CAA offre numerose potenzialità, ma è ancora poco diffusa nel nostro Paese.

In Atelier, l’analogico e il digitale devono integrarsi e questo libro, stampato su carta, tradotto con l’uso del software e trasformato in digitale, ne è la prima prova.

Ecco il libretto ideato dai bimbi.