Vogliono transitare a tutti i costi, così divelgono le sbarre di chiusura della 456 all’altezza della frana di Gnocchetto

0
505

Denunciate dai carabinieri di Ovada  per danneggiamento aggravato tre persone di 55, 57 e 23 anni. I carabinieri erano stati allertati da un ingegnere della Provincia di Alessandria, responsabile per le tratte stradali, che riferiva di avere fermato alcune persone sorprese nell’atto di rompere le sbarre che impediscono la percorribilità della strada provinciale 456 “del Turchino” in località Gnocchetto di Ovada. La strada, chiusa a causa dell’allerta meteo in atto, è il punto di passaggio principale per gli automobilisti in marcia da e verso la Liguria che non transitano dal tratto autostradale A26.

A causa dell’allerta meteorologica diramata per l’abbondante nevicata di ieri, la Provincia di Alessandria aveva ordinato la chiusura della tratta all’altezza della frazione Gnocchetto, dove dallo scorso autunno è presente una frana che impedisce il regolare passaggio dei veicoli.

Già nel mese di giugno, una nel corso di una precedente allerta metereologica, una delle le sbarre era stata divelta da ignoti. In quell’occasione è stato addirittura necessario l’intervento delle forze dell’ordine, che erano state messe  a presidio del blocco stradale.

Ieri, i carabinieri ovadesi hanno identificato i tre autori del danneggiamento, che sono stati denunciati per avere rotto i perni di fissaggio delle due sbarre con l’intento di consentire il passaggio del loro veicolo. Le sbarre sono state ripristinate e nuovamente chiuse, al fine di impedire il transito e garantire così la sicurezza di automobilisti e cittadini.