Secondo appuntamento del 2017 per la stagione teatrale novese, cominciata il 14 gennaio scorso con “Misura per misura” di William Shakespeare. Sabato 11 febbraio tocca a “Minetti” di Thomas Bernhard, uno dei massimi drammaturghi del ‘900 in lingua tedesca.

“Minetti” è un esempio fulgido di metateatro, ovvero il teatro che narra sé stesso. Il protagonista è appunto l’anziano Bernhard Minetti, considerato da molti il miglior attore teatrale del secondo dopoguerra, che nella notte di San Silvestro, fra maschere, luci, petardi e allegria, indugia nella hall di un albergo di Ostenda. Sta aspettando il direttore del teatro che vuole affidargli Re Lear per un suo ritorno alle scene.

Mentre attende, Minetti inizia a parlare di sé stesso e con sé stesso. Ripercorre la sua giovinezza, la passione per il teatro davanti a un pubblico particolare come il personale dell’hotel, una signora ed una ragazza.

Eros Pagni

Prodotto dal Teatro Stabile di Genova per la direzione di Marco Sciaccaluga, “Minetti” vede come protagonista il grande Eros Pagni, grande interprete shakespeariano, ma anche di opere di Beckett, Brecht, Pirandello e Goldoni. Insieme a lui sul palco Federica Granata, Marco Avogadro, Nicolò Giacalone, Daniela Duchi, Marco De Gaudio, Maurizio Taverna, Francesco Russo, Michele Maccaroni, Daniele Madeddu, Giovanni Annaloro, Roxana Doran, Sarah Paone, Maria Angela Cerruti ed Emanuele Vito.

Info

Biblioteca Civica di Novi Ligure (via Marconi, 66 – tel. 0143 76246)