Anche il Gruppo Rangers Volontari in campo contro il Coronavirus

0
706

Ora come non mai c’è bisogno dell’impegno di tutti per contribuire alla “causa”. Si sente dire da più parti, ma il Gruppo Rangers Volontari di Arquata Scrivia si è mosso ancora una volta sul campo per far sentire la propria presenza ai propri compaesani supportando le attività organizzate dall’Amministrazione arquatese e non solo. 

“Abbiamo percorso oltre 570 km e impiegato 15 volontari del Gruppo Rangers per un totale di più di 100 ore di attività” dice Gian Paolo Gifra, presidente dell’associazione. Le attività sono state varie, ma tutte mirate a contrastare la diffusione del virus Covid-19. Dalla distribuzione delle mascherine alla popolazione per conto del Comune, al ritiro dei farmaci per i cittadini. Fondamentale soprattutto il ritiro e la consegna dei Dpi (dispositivi di protezione individuale, ovvero mascherine, tute e guanti) al personale medico-sanitario della zona in modo che questi ultimi possano svolgere in sicurezza il loro lavoro.

Essendo formato da volontari, il Gruppo Rangers ha necessità anche di reperire fondi, che vengono poi utilizzati per coprire le spese dei servizi, ma anche per sostenere soggetti o enti in difficoltà. “Mi sembra doveroso – sottolinea Gifra- ringraziare pubblicamente in qualità di presidente anche a nome di tutti i nostri iscritti , l’associazione Smile e compagnia teatrale “IGOBBI” che hanno eseguito un offerta alla nostra ODV di € 3000 (tremila) per acquistare beni di prima necessità per questa emergenza . Il nostro progetto e stato questo , con 2500 € abbiamo supportato il Comune nell’acquisto di n°1000 mascherine in tela , dove si è curata  anche la distribuzione , sempre in concerto con il Comune . Con i 500 € rimanenti abbiamo acquistato dei Dpi per l’Ospedale di Novi – Reparto Neonatologia”.

Il presidente dei Rangers ha poi fatto un appello per chi volesse effettuare donazioni all’ente può farlo effettuando un bonifico all’Iban: IT58C0503447960000000014394, intestato a “Gruppo Rangers Volontari”.