20^ giornata di campionato in Promozione, girone C contraddistinta dal ko dell’Arquatese in casa del Canelli. La squadra di Vennarucci era chiamata a vincere per mantenere vive le speranze di playoff contro una diretta concorrente che alla vigilia della gara aveva tre punti in più dei biancocelesti.

Invece la partita è andata male, anzi malissimo, non tanto per il risultato, un 3-0 rotondo, ma per la prestazione degli arquatesi entrati in campo col piede sbagliato, tanto da subire due gol in sei minuti con Sherif al 13° e Cherchi al 19°. L’andamento della gara si è stabilizzato, poi, ma gli ospiti hanno potuto incidere ben poco sulla partita, subendo, ad inizio ripresa anche il terzo gol firmato Pollina che ha ben sfruttato una disattenzione nelle retrovie avversarie, più intenti ad offendere che a difendere.

Per i biancocelesti ora non c’è tempo per recriminare, però perché mercoledì sera si torna in campo al “Garrone” per recuperare la gara contro la prima della classe. Serviranno energie e tanta concentrazione per fermare la corsa del San Domenico Savio e recuperare punti fondamentali per cercare di continuare a sognare nei playoff.

Derby importante invece dal sapore ben diverso, quello che si gioca al Peverati di Cassine. In campo scendono i padroni di casa contro il San Giuliano Nuovo, diretta concorrente nella corsa per evitare gli spareggi salvezza.

I ragazzi di Pastorino non iniziano al meglio, perché al 16° Pasino si avventa su un pallone vagante in area cassinese e la deposita nel sacco. Il vantaggio biancoverde, però regge un solo minuto, perché è proprio un arquatese, quel Simone Torre che Pastorino ha voluto fortemente dopo aver vinto il campionato due anni fa, che si erge ad eroe di giornata andando ad impattare il punteggio. Palla in area, stop e battuta di sinistro che non lascia scampo a Filograno.

Nel secondo tempo il Cassine inizia all’attacco per evitare un altro “scherzetto” dei sangiulanovesi. Al 69° arriva il sorpasso con un’azione da infarto per molti tifosi locali. Montorro calcia di potenza, Filograno devia la sfera che, indirizzata in porta, appare forse troppo lenta e potrebbe essere recuperata dalla difesa ospite, la quale invece non fa a tempo. Così il pallone supera la linea e il Cassine passa in vantaggio.

Il San Giuliano Nuovo prova la reazione, ma è il Cassine a trovare la terza rete al 78° ancora con Simone Torre, ben servito in area da Motta dopo una cavalcata sulla fascia. Da pochi passi è semplice per l’attaccante mettere al sicuro il risultato. Lungi dall’iniziare la festa cassinese, cominciano gli scongiuri, visto che dieci minuti dopo l’ex Derthona Kanina infila la porta del Cassine con una bella conclusione che riapre virtualmente i giochi. L’ultimo brivido è una punizione di Pasino da ottima posizione, ma l’attaccante biancoverde sparacchia alto e il Cassine può festeggiare il sorpasso.

Un punto che vale oro per la Pozzolese che blocca la corazzata Lucento sull’1-1 e fa un piccolo passo verso le avversarie che la precedono. I pronostici erano tutti contro la squadra di Aurelio, anche se nel derby di recupero contro l’Arquatese si erano viste delle ottime cose. I biancoazzurri migliorano e sono decisivi perfino nel far saltare la panchina di Telesca, mister del Lucento che ha rassegnato le dimissioni poche ore dopo il triplice fischio.

La partita giocata da Marchesotti e compagni è di quelle che entrano nel piccolo libro delle fatiche sportive che solo il calcio dilettantistico regala. Una vera corazzata che subisce il vantaggio firmato Jornea, un vero capolavoro balistico su calcio piazzato, che poi assedia l’ultima della classe, ma non va oltre il pari.

La Pozzolese dopo la rete si chiude a riccio, sa di avere stuzzicato un gigante che dormiva e si aspettava che gli alessandrini si fossero recati a Lucento consapevoli di “dover” lasciare i tre punti. Per fortuna i biancoazzurri hanno tutto un altro piglio e resistono caparbiamente sia a livello fisico, che mentale, specie dopo il pareggio al 53° firmato da Perrone che chiama all’arrembaggio i rossoneri, che si trovano davanti, però una difesa attenta e un Marchesotti in formato Donnarumma che para l’imparabile.

Una prova che dovrà necessariamente dare la forza alla Pozzolese di ottenre punti contro il Villanova nel prossimo turno in uno scontro diretto che promette scintille. Il prossimo turno domenicale delle alessandrine prevede poi lo scontro diretto fra Arquatese e Santostefanese, e San Giuliano Nuovo – Cenisia. Per il Cassine ci sarà invece il complicato banco di prova dell’Atletico Torino.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Mangini Novi sfiora l’impresa in casa della seconda
Articolo successivoMonterotondo: i carabinieri “beccano” tre bracconieri