Castellazzo: nuovo allungo. Calcio Tortona e Bonbonasca pareggi beffardi

Zona Cesarini decisiva per tutte le alessandrine: biancoverdi che trovano la vittoria, mentre tortonesi e gialloblù vedono sfumare i 3 punti

0
1023

Eccolo lì il Castellazzo che aspettavi. Dopo alcune uscite opache, ma comunque senza sconfitte, arriva una vittoria all’inglese sull’Olmo frutto della determinazione e della grande esperienza dei ragazzi di mister Merlo. Contro i biancorossi arriva la tredicesima vittoria che lungi dall’essere sfortunata, permette biancoverdi di allungare sulle inseguitrici. La più vicina ora è il Saluzzo, vittorioso di misura con il Corneliano, ma comunque dietro 7 punti.

Il Castellazzo gioca una partita molto difficile con l’Olmo, probabilmente neanche gli avversari si sarebbero aspettati di potersi esprimere su questi livelli, ma si sa che quando una “piccola” incontra la prima, ci mette il doppio dell’impegno, se poi sono in ballo punti salvezza, lo sforzo raddoppia.  Certo il Castellazzo fa la partita, ma i cuneesi tengono bene e a meno di dieci minuti dal termine, appare quasi certo il pari. Fatto sta che solo all’86° Zunino trova la via del gol, non bello ma efficace, risolvendo una mischia nell’area biancorossa. Gli ospiti a questo punto si gettano in avanti, ma subiscono, nel recupero il raddoppio biancoverde con Rosset, che chiude il match.

Perde strada dal secondo posto o mantiene il terzo? Ai lettori l’ardua sentenza di un Calcio Tortona, che comunque esce indenne dal difficile scontro diretto contro il Rivoli pareggiando 1-1. Rimane quindi invariato il distacco  tra le due squadre, così come quello con la Pro Dronero, anch’essa fermata sullo 0-0 da una caparbia Colline Alfieri.

Chi vuole vorrà il bicchiere mezzo pieno dirà che la partita era difficile, l’avversario tosto e che le partite per provare a cementare il piazzamento playoff sono ancora molte. I più pessimisti invece potrebbero obiettare che l’ingenuità di Mazzariol a pochi secondi dal termine (con un uomo in più per quasi un tempo) hanno impedito ai tortonesi di rimanere vicini al secondo posto, e allungare sullo stesso Rivoli.

Comunque la si guardi certamente la prestazione del Calcio Tortona è stata sentita, ed ha portato un punto che lascia invariate le posizioni in zona playoff. I ragazzi di Visca sono bravi a passare dopo soli 10 minuti con Merlano, ben servito da Mazzocca. Nella ripresa gli ospiti restano in dieci dopo pochi minuti per il rosso mostrato a Pantaleo, ma gli ospiti non si abbattono e giocano la propria, onesta partita. La rete di Cravetto all’89° su rigore ristabilisce la parità nel tabellino e lascia tanto amaro nella bocca dei leoni tortonesi che comunque hanno una partita in meno dei torinesi i quali a loro volta domenica prossima affronteranno il Saluzzo. Il Calcio Tortona potrebbe beneficiare di un passo falso dei saluzzesi per salire al secondo posto.

Partita pirotecnica per la Bonbonasca che contro la Cheraschese gioca (sul terreno neutro di Alba) una partita  di grande maturità contro una pretendente ai playoff e torna ad Alessandria con un punto sebbene in questo caso l’amaro sia davvero un gusto che pervade i gialloblù nelle viscere.

Gli alessandrini iniziano forte e dopo 19 minuti passano con un rigore procuratosi da Kutra, che centra il braccio di un avversario con un cross, e trasformato dal solito Lewandoski. Neanche il tempo di respirare e Atomei pareggia con un bel colpo di testa. La Bonbonasca gioca a viso aperto: al 30° Lewandoski colpisce il palo con una bomba da fermo. Si tratta del preludio del raddoppio che arriva ancora con Lewandoski, che rispettando il proprio ingombrante cognome, si conferma bomber di razza e raddoppia su punizione.

Le squadre rientrano in campo per la ripresa sul 1-2, ma ancora Atomei risponde alla sfida dei bomber pareggiando 2-2: Prizio fa la sponda, e l’attaccante cuneese si esibisce in una bella rovesciata che Ferraroni intercetta oltre la linea. A questo punto la Cheraschese aumenta la pressione, prende il controllo del gioco e ci crede sfiorando il 3-2 con Nastasi, la cui conclusione sfiora la traversa di Ferraroni. La Bonbonasca, però replica e quando lo fa, colpisce duro. All’82° Lewandoski, ancora lui, crossa al limite dell’area, Prizio e Massaro svettano insieme, ed è il cuneese a colpire, ma verso la propria porta con la sfera che si infila nell’angolino dove Tarantini nulla può. I gialloblù si chiudono a riccio per difendere i preziosissimi tre punti, ma resiste solo sei minuti. All’88° infatti Oddenino e Cornero duettano sulla fascia, con quest’ultimo che entrato in area, calcia in diagonale basso, battendo Ferraroni per il 3-3 finale.