Fillea Cgil: “La Cementir non rispetta gli accordi”

Il sindacato per voce di Rocco Politi denuncia la mancata riassunzione di 10 lavoratori che sarebbe dovuta avvenire il 15 marzo scorso: "Chiediamo l'intervento del Prefetto"

0
1556

“Cementir non rispetta gli impegni”. Lo dice Rocco Politi segretario generale di Fillea Cgil di Alessandria. Nel gennaio scorso i dipendenti del cementificio avevano scioperato e occupato lo stabilimento per una decina di giorni dopo che Cementir aveva inviato 23 lettere di licenziamento ad altrettanti lavoratori.

Da lì iniziò la battaglia sindacale che terminò con un accordo: 13 lavoratori assunti da Cociv a tempo indeterminato, altri 10 da Cementir entro il 15 marzo. Ora Fillea torna sulla questione: “Cociv ha oggettivamente rispettato gli impegni, assumendo 5 lavoratori immediatamente come da accordo (gli altri 8 dovranno essere assunti a settembre). Cementir invece continua a prendersi gioco del Prefetto, delle Istituzioni e della dignità dei lavoratori – scrive Politi nel comunicato stampa – non rispettando gli accordi, nonostante l’immediato richiamo di tutto il sindacato”.

I dieci lavoratori infatti sono ancora senza lavoro: “Abbiamo deciso di continuare a fidarci delle Istituzioni, del Prefetto che abbiamo informato per richiedere un incontro. Confidiamo nella sua sensibilità perché si imponga sul Gruppo Caltagirone l’ottemperanza degli incontri e il rispetto di un territorio che dopo essere stato abbondantemente sfruttato, non merita di essere umiliato”.