Pronto riscatto per l’As Novi Pallavolo che torna subito a vincere dopo la sfortunata trasferta di Alba di una settimana fa e accorciano le distanze su Garlasco, sconfitta 3-1 a Torino. I biancocelesti affrontano Ciriè, squadra tutt’altro che semplice e bisognosa di punti salvezza. I novesi devono fare a meno di Corrozzatto e Capettini, al loro posto Guglielmi e Prato.

Il primo set inizia male con le squadre che si affrontano punto a punto il “figliol prodigo” Scarrone (novese di nascita, ma in forza ai torinesi) che si dimostra decisivo siglando punti pesanti, su tutti, l’ace che decide il primo set 21-25.

Al rientro in campo Novi cambia volto, e si dimostra subito smaniosa di recuperare il ritardo. Così il break 10-6 fa ben sperare, ma i cambi di Ciriè e alcuni errori di troppo dei padroni di casa, permettono agli avversari di rientrare e affiancare Novi fino al 18 pari, poi i biancocelesti si scrollano via la pressione e allungano fino al 25-22 che impatta il parziale.

Terzo set che può rivelarsi decisivo e in effetti così è perché dopo un avvio con Scarrone ancora protagonista, Moro prende per mano i suoi e li porta fino al netto 25-19 che fa ben sperare. Infatti al quarto set Novi respinge colpo su colpo l’attacco ciriacese, rispondendo con terrificante efficiacia. A nulla servono i cambi di Ciriè che esaurisce cambi ed energie e Novi si impone 25-22.

Per i ragazzi di Quagliozzi la vittoria rinsalda la quinta posizione in compagnia di Cuneo e rilancia le speranze almeno per il terzo posto, distante 5 punti. Ora un turno di pausa attende i biancocelesti, prima di tornare in campo il 4 marzo con il big match contro quel Garlasco che è avanti solo due punti.

AS Novi Pallavolo 3-1 PVL Cerealterra Ciriè (21-25; 25-22; 25-19; 25-22).

AS Novi Pallavolo: Prato (3), Moro (26), Guido (20), Repetto (6); Semino (8); Guglielmi (1), Quaglieri (L); utilizzati Volpara, Corrozzatto. A disposizione Uberti, Romagnano, Sanni.

PVL Cerealterra: Arnaud; Casale, Scarrone, Angelov, Aimone, Dogliotti, Trono (L). utilizzati, Zanchetta, Argilagos; a disposizione Magnetti, Randone (L2); Dellarolle, Caianiello,