Fine settimana ricco di impegni per i colori dell’Atletica Novese che è iniziato già giovedì 8 marzo con la partecipazione di Davide Bulich alla Pink Run di Voghera, evento che si svolge da 5 anni abbinando sia il lato sportivo che solidale (nello specifico sono stati raccolti fondi per il progetto “Donne per le donne del Burkina Faso). Percorso facilmente percorribile per tutti di 4,3 km che Bulich ha chiuso al 23° posto.

Venerdì 10 marzo con la partecipazione di Enrico Raiteri e Paolo Repetti alla Castle’s Trail di Verres in Valle d’Aosta. I due novesi hanno preso parte alla suggestiva gara sui 23 km (1.530 mt di dislivello positivo) che si è snodata sui crinali montuosi della regione più piccola dello Stivale. Gara molto partecipata con 360 corridori all’arrivo. Raiteri chiude al 230° posto con il tempo di 3h33’56”, mentre Repetti è 305° in 4h01’58”.

Sabato invece l’Atletica Novese è sbarcata anche in Portogallo, con la partecipazione di Mauro Crivellaro alla Mezza di Lisbona. L’esperto podista biancocelesete ha dovuto affrontare un vento molto forte (fino a 50km/h) tanto che l’organizzazione ha deciso di spostare la partenza dal ponte “25 de Abril”. Per Crivellaro il tempo di 1h42’22”.

Roberto Moro ha concluso la Art Marathon di Brescia, gara durissima

Nel frattempo, più vicini a noi, Roberto Moro si stava cimentando nella Brescia Art Marathon, in una giornata molto difficile fra pioggia e vento, che non hanno sicuramente aiutato i podisti. Per lui comunque, 196^ piazza e il tempo di 3h27’40” che vale comunque una medaglia allo stoicismo del podista novese.

Sempre sabato un consistente gruppo di podisti si è ritrovato nel più familiare territorio di Montaldo Bormida per “La via dei tre castelli”. Gara di 10,5 km alla quale hanno partecipato 90 atleti. Su tutti, però arriva il trionfo di Teresa Repetto che pare averci preso gusto, visto che la novese è alla terza vittoria consecutiva. Per lei 17° posto assoluto, ma primo nettamente con oltre due minuti di vantaggio sulle rivali (la coppie dell’Atletica Cairo, Rivera e Fresia giunte appaiate). Gara davvero difficile con tanto fango e freddo che hanno ravvicinato la corsa più a un trail che a un percorso classico.

La giovane Teresa Repetto si è aggiudicata per il terzo anno di fila la gara di Montalto Bormida

Al maschile trionfa l’arquatese Diego Picollo (Maratoneti Genovesi), mentre Valerio Ottoboni si regala una terza piazza di tutto rispetto con un finale in volata contro il genovese Silvano Repetto. Alla fine il piemontese prevale con il tempo di 43’05” (6” più veloce del rivale) cogliendo anche il secondo posto nella propria categoria.

Poco più indietro, Diego Scabbio è sesto nonché primo della sua categoria. Primi nella propria classe anche Armando Greco (18° assoluto) e Carlo Mazzarello (48°). Bene anche Francesco Gavuglio che è 49° assoluto, ma secondo di categoria. Ottima prova anche di Giovanni Cavalli che termina 13°, mentre Davide Bulich è 19°, di poco davanti ad Andrea Molinari, 21°. All’arrivo poi anche Andrea Scaglia, Annalisa Mazzarello, Piero Torchio e Mario Bergaglio.

Infine fra sabato e domenica Luigi Macciò e Mauro Bacchiocchi hanno partecipato rispettivamente alle mezze maratone di Imperia e Ostia. Difficile e contraddistinta dalla pioggia, dal vento e dal maltempo che hanno costretto gli organizzatori a spostare la partenza di mezzora la prima; gigantesca, con un’organizzazione più che rodata la seconda.

Macciò ha terminato la sua prova in 1h48’16” lamentando troppi problemi nell’organizzazione dell’evento. Più a sud, Bacchiocchi era insieme ad altre 10 mila persone che hanno affollato le strade della città laziale. La posizione 3.022 sembra brutta, ma se si conta che si è messo alle spalle circa 7 mila persone, la prestazione di 1h43’32” assume tutta un’altra dimensione.