Macabra scoperta nella giornata di ieri a Vignole Borbera, dove è stato rinvenuto il corpo senza vita di Ludmilla Ciaiciouk, 67enne ucraina che risiedeva da lungo tempo nel paese valborberino. La donna è stata ritrovata morta nel proprio appartamento dove viveva da sola da quando il marito era morto diverso tempo fa.

Nessuno si era accorto di Ludmilla, che non versava in buone condizioni di salute. Era dedita all’alcool e dai primi accertamenti pare che l’unico contatto con il resto del mondo avvenisse tramite un infermiere che si recava da lei per consegnarle le medicine.

La morte, però sarebbe avvenuta oltre 20 giorni fa, ma nessuno si era accorto di nulla finché i vicini della vedova, che abitava nelle case popolari di via Moro, hanno fatto una segnalazione per i miasmi provenienti dall’appartamento dovuti all’avanzato stato di decomposizione della salma.