Cabella Ligure vince il “Marchio di Qualità Ambiente di Vita”

0
866

Si è concluso con la premiazione dei vincitori, domenica 10 novembre, il primo anno del Marchio Nazionale di Qualità Ambiente di Vita – Comune Fiorito.

La cerimonia si è tenuta a Pomaretto comune della provincia di Torino, in occasione del Meeting Nazionale al quale partecipavano oltre 80 Amministrazioni Pubbliche e numerosi professionisti del settore florovivaistico.  Dopo tre giornate ricche di appuntamenti, promosse da Asproflor, Associazione Produttori Florovivaisti, è stato assegnato il Marchio di Qualità dell’Ambiente di Vita, un riconoscimento per i  Comuni più virtuosi, che ha l’intento di coinvolgere e spingere a “far fiorire” gli spazi urbani sparsi in tutta Italia, rendendoli a misura di cittadino.

“Sono soddisfatta per il riconoscimento che anche quest’anno è giunto al nostro Comune – dice Roberta Daglio sindaco di Cabella Ligure – perché premia l’impegno di tante persone, amministrazione, volontari, proloco e tutti quei cittadini che si sono prodigati per abbellire spazi pubblici e privati di Cabella e delle frazioni. Voglio ringraziarli tutti e insieme a loro desidero ringraziare anche le persone che si impegnano quotidianamente per mantenere pulito il nostro territorio, ad esempio differenziando correttamente i rifiuti. Il premio di quest’anno infatti va anche a loro perché rappresenta un riconoscimento per l’attenzione alla qualità del proprio ambiente di vita”.

“Si tratta di un riconoscimento all’impegno e alla sensibilità delle Amministrazioni partecipanti. Siamo davvero entusiasti del riscontro e dell’adesione di questo primo anno. – ha commentato Renzo Marconi, Presidente Asproflor – Comuni Fioriti, “Complimenti ai vincitori, nella speranza che questo non sia che un primo passo verso un’attenzione sempre maggiore al verde nei nostri comuni. La nascita del nuovo Marchio Nazionale di Qualità vuole proprio essere uno strumento per tutti i Comuni, piccoli e grandi, per utilizzare il verde pubblico e le fioriture come strumento di sviluppo per tutto il territorio.”

 Il Meeting di Pomaretto si è concluso, inoltre, con un grande momento simbolico, la posa della prima pianta nell’ambito del progetto “Pian…ti…amo”, promosso da Asproflor in adesione all’appello dell’Associazione “Laudato Sì”, che ha l’obiettivo di piantare 60 milioni di alberi in Italia, uno per ogni cittadino