Continuano i disagi per i pendolari. L’Associazione scrive a Comuni e Regioni.

0
323

Nel settembre 2017 il treno dei pendolari che Novi Ligure e Pozzolo Formigaro in direzione di Tortona, Milano e Pavia, era stato soppresso, con una previsione di riapertura alla fine del 2021. In sostituzione gli enti gestori del servizio di trasporto pubblico hanno predisposto un servizio autobus che per ha creato non pochi disagi a quanti devono raggiungere quelle mete per recarsi al lavoro.

Per questo motivo l’Associazione Pendolari Novesi  ha inviato una lettera aperta ai Comuni e alle Regioni, enti che hanno funzioni di controllo e committenza, per chiedere chiarimenti.

Siamo ad evidenziare una serie di punti salienti che qualificano la situazione, a nostro avviso piuttosto disastrosa, del servizio. il nuovo orario invernale 2018/2019 ha comportato alcuni tagli al servizio; in particolare la soppressione dall’orario del treno 2167 ha comportato la rimozione automatica dall’orario dell’autobus sostitutivo 2167A, delle 20:44 da Tortona per Pozzolo Formigaro e Novi Ligure. Come diretta e grave conseguenza di questo fatto, un viaggiatore diretto a Pozzolo Formigaro e Novi Ligure e impossibilitato a prendere il treno 2165 delle 18:10 da Milano Centrale (molti lavoratori per esigenze varie di servizio sono impossibilitati e lasciare il posto di lavoro prima di una certa ora) non potrà più fare ritorno al proprio luogo di residenza a meno di non utilizzare mezzi propri. Tutto questo provoca un enorme disagio. Richiediamo di ripristinare il servizio sostitutivo autobus da Tortona per Pozzolo Formigaro e Novi Ligure in coordinamento con il treno 3973 da Milano Centrale per Alessandria. Inoltre, visti i ripetuti disservizi che si sono protratti per tutto l’anno scorso, avvenuti con continuità dall’istituzione del servizio al 4 Settembre 2017, che hanno fra l’altro portato a numerosi reclami e lettere di protesta da parte dei viaggiatori, fra cui ricordiamo l’esposto del 21 Maggio 2018 al Comando Carabinieri di Novi Ligure per interruzione di pubblico servizio, con i mezzi che talvolta non si presentano al mattino e non aspettano i corrispondenti treni in ritardo la sera, richiediamo di conoscere le regole di ingaggio delle società di autoservizi che operano sulla tratta. Desideriamo conoscere, per trasparenza, le condizioni alle quali dette società sono vincolate (massimi tempi di attesa in caso di ritardo, canali ufficiali di comunicazione operativa, etc.). Puntualizziamo inoltre che fra i disagi che risultano più fastidiosi e irritanti in assoluto, ve n’è uno che si ripete con tragica regolarità e senza apparente giustificato motivo: la soppressione pressoché regolare ogni lunedì mattina del treno nº 2164 delle 8:18 da Tortona per Milano Centrale. Ci auguriamo che l’anno 2019 possa essere l’anno della svolta sotto il profilo dell’attenzione delle istituzioni e degli enti gestori nei confronti dei cittadini, contribuenti, elettori nonché utenti paganti”.

I pendolari novesi e pozzolesi chiedono inoltre un dettagliato stato di avanzamento lavori per capire che cosa è stato fatto sino ad oggi e se viene riconfermato il rispetto delle tempistiche di riapertura della linea al traffico passeggeri la linea ferroviaria Novi Ligure – Pozzolo Formigaro – Tortona.

Infine, nel corso del 2018,  l’Associazione Pendolari Novesi  ha chiesto e ottenuto alcune modifiche sull’orario degli autobus del mattino, 2160A e 2162A, con l’istanza che l’orario di arrivo a Tortona del bus 2162A debba precedere di almeno 5 minuti la partenza da Tortona del treno 2162, per consentire le operazioni di trasbordo passeggeri in sicurezza. E di questo ringraziano gli organi ed enti di competenza.