Caserma carabinieri: “Lavori finiti ad agosto”

L'intervento dovrebbe concludersi dopo 8 mesi di cantiere ma l'edificio comunale resta in vendita

0
1180
Il cantiere della caserma dei carabinieri di Gavi
Il cantiere della caserma dei carabinieri di Gavi

Entro Ferragosto il cantiere sarà terminato”. È la rassicurazione che l’Arma avrebbe ricevuto durante l’ultimo sopralluogo effettuato dal comando dei carabinieri di Novi Ligure sulla caserma di Gavi. Intorno all’edificio di proprietà comunale le impalcature sono state montate addirittura a dicembre in base all’ordinanza del sindaco Rita Semino che aveva individuato improvvisamente motivazioni d’urgenza per evitare pericoli alla pubblica incolumità, dopo che da anni cadevano pezzi di cornicione sulla piazza. Anche i lavori, a causa di questa motivazione, sono stati affidati direttamente, senza alcun tipo di gara, alla Vallemme Costruzioni.

La motivazione reale dell’apparente fretta stava nel rischio, tutt’altro che lontano, di vedere trasferiti a Mornese i carabinieri di Gavi, come prospettato dal generale Mariano Mossa, comandante della Legione Piemonte e Valle d’Aosta, nel settembre dello scorso anno, a causa delle condizioni fatiscenti dell’immobile, sul quale non il Comune non effettuava nessuna manutenzione dal 1990, e della mancata individuazione di una sede alternativa per i militari in paese, promessa dal 2013 dal Comune, quando il Consiglio comunale ha votato la messa in vendita dell’immobile, motivata con la necessità di spendere 400 mila euro, cifra considerata eccessiva, per una sistemazione completa. In realtà, la cessione era prevista sin dal 2010: nel progetto preliminare della variante al piano regolatore, poi approvata nel 2011, si parlava vendita con abbattimento dell’immobile e ricostruzione con una cubatura triplicata a scopo residenziale.

Vendita che, nonostante l’ordinanza di novembre che stabiliva il via ai lavori, partiti poi solo a marzo, non è stata ritirata dall’amministrazione comunale, come ha invece richiesto l’opposizione. Sistemato il tetto, rifatto l’intonaco, da settimane il cantiere della caserma è fermo, in attesa, come aveva spiegato il vicesindaco Nicoletta Albano, dei nuovi serramenti. Ad agosto si potrà quindi ammirare la caserma sistemata, sulla quale sono stati spesi circa 130 mila euro in attesa della vendita e dell’abbattimento.