La Fiera di San Giuseppe a Castelnuovo Scrivia

Nel week end la sagra dei "farsò" e la fiera delle macchine agricole, un albero per ogni nato, la rassegna artistica nel castello e le patate per finanziare la Senologia

0
2533
Castelnuovo San Giuseppe

A Castelnuovo Scrivia torna l’appuntamento con la fiera di San Giuseppe, con la tradizionale sagra dei “farsò” e la fiera delle macchine agricole domenica 19 marzo e con un programma di eventi che comincia venerdì 17 con l’inaugurazione della rassegna di artisti del Gruppo 7Dissonanze armoniche“, aperta per tutto il week end.

L’appuntamento è alle 17,30 nelle sale del castello. Esporranno le loro opere Gabriele Armellini, Gianni Bailo, Pietro Bisio, Niccolò Calvi di Bergolo, Sergio Favia, Vincenzo Pelletta, Emilia Rebuglio, Luigi Rossanigo, Augusta Barlona; musiche di Raffaella Basiglio. Sabato 18 marzo il programma prosegue con l’iniziativa “Un albero per ogni nato“. «Quest’anno c’è una novità – dice il sindaco Gianni Tagliani -. I terreni in cui sono stati messi a dimora oltre mille alberi, in riva allo Scrivia, si sono progressivamente esauriti, compresa l’ultima porzione acquistata qualche anno fa. Sono in corso alcune verifiche per ampliare il Parco che è l’unico esempio in provincia di Alessandria di queste dimensioni che ha visto la sua formazione proprio in ossequio alla legge Rutelli che invitava i Comuni a piantare un albero per ogni nato.

Le giovani piante, numerate per i nuovi castelnovesi del 2016, sono state quindi messe a dimora in un’altra area verde, sulla strada provinciale per Pontecurone, dove sorge anche l’area industriale». L’appuntamento per i genitori con i loro bimbi è alle 16,30 in sala Pessini dove verrà consegnato il diploma con il numero e il certificato di assegnazione dell’albero e un omaggio. E a provvedere alla consegna saranno i ragazzi e le ragazze nati nel 2008, un virtuale passaggio di consegne ai nuovi nati.

E non poteva mancare l’associazione “Franca Cassola Pasquali” con la raccolta fondi per sostenere i progetti della Senologia di Tortona divenuta Breast Unit provinciale e Dipartimento di eccellenza nazionale per la diagnosi del tumore al seno. Una tradizione anche questa: un sacchetto di patate per donare la vita. Si potranno acquistare nelle giornate di sabato e domenica sul sagrato della chiesa parrocchiale. Una buona occasione per fare del bene.

Domenica appuntamento con la fiera delle macchine e delle attrezzature agricole. «Una fiera che ha una tradizione centenaria – spiega Gianni Tagliani -, quando le macchine erano gli animali da tiro e la loro esposizione lungo la “lea” del Campo sportivo è ricordata dai più anziani. I trattori, le seminatrici, le apparecchiature per la distribuzione dei fitofarmaci e dei fertilizzanti la faranno da padrone in una esposizione ricca e partecipata.

In piazza il mercato automobilistico». Dalle 16 la distribuzione delle frittelle, anche questa una tradizione di lunga data. Preparate in collaborazione con la pro-loco di Silvano Pietra, verranno servite con il vino delle Cantine Volpi di Tortona. «I “farsò” sono le tipiche frittelle castelnovesi – conclude il sindaco -: un polentino con le uova, la farina, lo zucchero e un segreto che viene preparato nella notte per essere fritto il giorno successivo. Una prelibatezza a disposizione dei visitatori».