25 aprile: un giorno da festeggiare.

Gli appuntamenti a Novi e dintorni.

0
149

Il 25 aprile giorno della Liberazione è la giornata che segna la fine della dittatura fascista. Sono trascorsi 79 anni da quel 25 aprile 1945. E’ un giorno per ricordare quegli uomini, quelle donne, giovani, anziani, che 79 anni fa contribuirono a liberare l’Italia dal nazi-fascismo. Dopo tanto tempo, dovrebbe essere una festa per tutti, perché la libertà è patrimonio di tutti ma c’è ancor oggi chi, intrappolato nelle scorie del’900, avrebbe preferito parlare tedesco o marciare al passo dell’oca.

Le commemorazioni del 79° anniversario della Liberazione saranno celebrate in vari luoghi e in molti modi perché passato non vuol dire dimenticare e infatti, in tantissimi ricordano.

A Novi Ligure il programma delle celebrazioni inizia giovedì mattina alle 8,45 in via Garibaldi con l’omaggio al monumento ai Caduti della Divisione Acqui e alle 9,15 in piazza XX Settembre con l’omaggio all’ultimo Caduto della liberazione di Novi, M.A.V.M Mario P. Balustra. Alle 9.45 da piazza Dellepiane partirà il corteo, accompagnato dal Corpo Musicale “Romualdo Marenco”, che raggiungerà piazza Pascoli per gli interventi di commemorazione. Alle 10,30, dopo la celebrazione dela Messa al campo e la deposizione di una corona di alloro ai Caduti della Resistenza, è previsto il saluto del sindaco Rocchino Muiere cui seguirà l’orazione ufficiale affidata a Graziella Gaballo, presidente Anpi sezione di Novi Ligure. In caso di mal tempo i partecipanti si concentreranno direttamente in piazza Pascoli per la deposizione della corona di alloro. Gli interventi si terranno nel salone della Parrocchia di S. Antonio di Viale Rimembranza, mentre la S. Messa verrà celebrata nella Chiesa adiacente.

La pagina del Popolo del 25 aprile 1945

I minatori inglesi in sciopero avevano un motto, ripreso da Ken Loach nel suo ultimo film capolavoro:  “If we eat together, we stick together”: Se mangiamo insieme resisteremo uniti. Con questa massima, la Soms di Novi, in via Cavanna 12, organizza dalle 12 alle 15 “Pastasciutta solidale”, un pranzo all’insegna di gioia e speranza di pace, aperto a coloro che vogliono ricordare la fine della dittatura nazifascista, e dei loro orrendi crimini contro l’umanità. La giornata sarà accompagnata dalla musica della Jam tra i Majin Blues e i Quok,colonne storiche delle serate estive. Ci saranno le birre artigianali alla spina del St George, i vini di Cascina Tripoli e Minaia Nicola Bergaglio, acqua e bibite per i ragazzi e gli astemi. Le previsioni meteo per ora sembrano favorevoli, con temperatura prevista di 14°-16° ma, in caso di pioggia, la festa sarà rinvia

Alle 21 è in programma al Tatro Giacometti di Corso Piave, un importante evento. Si tratta di “Partigiani sempre!”, spettacolo prodotto dall’Associazione “Memoria  della Benedicta” e Anpi Cesena in occasione dell’80° Anniversario della Resistenza, La rappresentazione è un susseguirsi di racconti, citazioni, canzoni che riportano alla memoria il sacrificio di uomini disposti a morire per la libertà. Autore del testo è Massimo Carlotto, le canzoni e le musiche sono composte ed eseguite dagli Yo Yo Mundi e Maurizio Camardi, la regia è di Velia Mantegazza.

Le celebrazioni termineranno lunedì 29 aprile alle 10 presso la Scuola Media Boccardo di via Ferrando Scrivia con la deposizione di una corona di alloro in omaggio ai Caduti della Tuara. Alla manifestazione parteciperanno gli alunni e i docenti dell’istituto scolastico.

A Serravalle Scrivia, l’Anpi e il Comune invitano la cittadinanza a partecipare alle celebrazioni che avranno inizio alle 9.30 in Piazza Guareschi da dove, dopo l’orazione ufficiale del professore Ennio Morgavi, partirà il corteo diretto in Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto ed a seguire al Parco “Ragazzi della Benedicta” ed al Cimitero Vecchio al Sacrario dei Martiri per la Libertà. Il corteo verrà accompagnato dal Corpo Musicale “Pippo Bagnasco”.

Stele di Pertuso. ph.Massimo Sorlino

In Val Borbera nel giorno della Liberazione è in programma la manifestazione “Cammino della libertà”. Il raduno dei partecipanti è previsto per le 9 nel parcheggio situato all’ingresso del paese di Volpara, suggestiva frazione di Abera Ligure; alle 9.30 inizia una passeggiata di circa 8 km inframezzata da racconti e ricordi di episodi accaduti in quei luoghi, teatro di tanti episodi accaduti nel corso della lotta partigiana. Gli organizzatori raccomandano di indossare scarpe da trekking. Alle 12.30 sosta per il pranzo al sacco (ricordarsi quindi di portarlo). Al termine, partenza per raggiungere Rocchetta Ligure, dove alle 15, ci sarà la visita guidata al Museo della Resistenza, dedicato al comandante “Carlo” al secolo avvocato Giambattista Lazagna. Ai partecipanti sarà offerto un kit ricordo della giornata. In caso di maltempo la manifestazione si terrà a Palazzo Spinola di Rocchetta Ligure, sede del Museo della Resistenza, con inizio dalle 10.

La manifestazione  proseguirà a Pertuso, dove sorge la stele dedicata ai partigiani della Pinan Cichero, situata nel comune di Cantalupo Ligure . Qui alle 16 sarà deposta una corona d’alloro. Seguiranno i saluti del Sindaco di Cantalupo, Pierluigi Debenedetti, e del Sindaco di Novi Ligure, Rocchino Muliere.

Vignole festeggia il 25 aprile con una commemorazione ufficiale, con deposizione della corona d’alloro per ricordare i caduti delle guerre, al monumento in Piazza Figini. Questo avviene al mattino dopo la funzione religiosa delle 11.15. Sempre in mattinata intorno alle otto, e per tutta la giornata di giovedì saranno allestite lungo le vie del centro storico, le bancarelle della Fiera di Primavera, arricchite di un settore riservato all’artigianato e all’hobbystica. Lo spazio dedicato ai bambini prevede giostre e gonfiabili. Mentre i golosi potranno trovare conforto nell’area sagre, allo stand gastronomico gestito dai volontari della pro loco.

Dernice, come ogni anno il 25 aprile, dedica una funzione religiosa per Franco Anselmi, il partigiano Marco,  comandante della Brigata Garibaldi Arzani che operava  tra la val Curone e la val Borbera, uno degli eroi della Battaglia di Pertuso dell’Agosto del 1944. Al termine della messa , intorno a mezzogiorno, seguirà la deposizione di una corona davanti alla lapide dei caduti della seconda guerra mondiale, affissa sulla facciata del Municipio;

Pinacoteca di Voltaggio

Spostandoci in Vallemme. La passione per i mercatini si potrà soddisfare anche a Lerma che, giovedì 25 aprile festeggia il santo Patrono. Per tutta la giornata bancarelle di merci varie. Dalle 12.30, la pro loco servirà i tipici ravioli.

Per chi ama l’arte, l’Associazione culturale di volontariato L’Arcangelo APS propone una visita guidata alla Pinacoteca di Voltaggio, complesso conventuale seicentesco dei Frati Cappuccini Liguri che custodisce capolavori della pittura barocca genovese. La durata della visita è di circa 90 minuti e, visti posti limitati è meglio annunciarsi chiamando o inviato un WhatsApp al347.4608672 oppure mail. [email protected]

A Tagliolo Monferrato nel giorno della Liberazione, l’Anpi e il Comune propongono lo spettacolo “Siamo i ribelli. La Resistenza viene da lontano”. Un atto unico dove musica e parole si intrecciano; i racconti ripercorrono il ventennio fascista che portò alla guerra poi, attraverso la Resistenza arrivò la Liberzione. Sul paco del Salone Comunale, alle 17, Gianni Repetto insieme a Paolo Murchio, Giuseppe Repetto e Niccolò Tambussa, tra canzoni d’epoca e dialoghi fra l’attore e i musicisti.