Parcheggi, tributi e affissioni: disagi nel passaggio al nuovo gestore

Si è insediata Ica srl, la nuova ditta che gestisce i servizi

0
904

È caos a Tortona per il passaggio al nuovo gestore dei servizi di riscossione tributi, parcheggi a pagamento e affissioni. Lunedì e martedì sono state giornate “calde”: non c’era l’addetto alle affissioni e non sono mancate le criticità. Ora il problema è stato risolto ma le ausiliarie del traffico non sono in servizio e anche se è stato ripristinato il front office dell’ufficio affissioni e gestione parcheggi, gli abbonamenti non possono essere erogati per motivi tecnici. «Dalla mezzanotte di domenica 12 febbraio è cessato il rapporto contrattuale tra l’Ente e la Società Mazal Global Solution srl, concessionaria del servizio di gestione dei tributi, dei parcheggi a pagamento e dei diritti sulle pubbliche affissioni, compresa la materiale affissione dei manifesti – spiegano in Comune -. Lunedì 13 febbraio in municipio era presente un referente di Ica srl, il nuovo gestore, che ha accolto e gestito personalmente le richieste del pubblico. Ovviamente, come accade ogni volta che si effettuano cambiamenti su servizi di grande rilevanza ed impatto sul pubblico, c’è stata qualche criticità e qualche rallentamento». Il disguido che si è creato è dovuto al fatto che il vecchio personale è in ferie: il Comune ha risolto il contratto con Mazal per inadempimento e così venerdì sera la società ha mandato ai dipendenti una comunicazione dicendo appunto che da lunedì sarebbero stati in ferie a tempo indeterminato perchè nella gestione dei servizi sarebbe subentrata Ica. Inoltre è in corso una vertenza sindacale con il nuovo gestore che a quanto pare vorrebbe assumere i dipendenti Mazal con un contratto dove non è pienamente rispettato l’accordo sulle attuali condizioni e livelli occupazionali. Sindacati e legali stanno cercando di chiarire la situazione. «Mi auguro che la vertenza possa sbloccarsi quanto prima e in maniera positiva – dice l’assessore Davide Fara – a salvaguardia dei posti di lavoro e del servizio ai cittadini. Stiamo facendo il possibile affinchè possa entrare a pieno regime in breve tempo, scusandoci per qualunque disagio si fosse verificato o dovesse verificarsi in questa delicata fase di transizione tra i due gestori».