Partono i controlli su soste e autobus “cartellino giallo” per chi non paga

0
1128
Davide Bergaglio ausiliario della sosta effettivo

Ancora poco più di 2 settimane e partiranno le sanzioni nei confronti degli “smemorati” o dei cosiddetti “furbetti” dei biglietti dell’autobus e della sosta a pagamento. Ma prima delle contravvenzioni, come avvertimento, cominceranno le “ammonizioni”.

Si è infatti conclusa la prima parte della sperimentazione del Cit, il consorzio dei trasporti pubblici del Novese che ha visto la formazione, o meglio la “trasformazione”, di necrofori del settore delle onoranze funebri e degli autisti delle linee urbane ed extraurbane sottoutilizzati per ragioni di servizio, in “controllori”.

“Si è appena ultimato il corso di formazione per 10 nuovi ausiliari della sosta che abbiamo istituito per il personale delle onoranze funebri – spiega il presidente del Cit, Giuseppe Licata -. Ogni anno riscontriamo purtroppo un’alta percentuale  di utenti che non pagano il ticket per la sosta e neppure quello per le corse sui bus. I controlli, nel primo caso, erano a cura di soli due ausiliari, i quali, alternandosi e quindi operando uno alla volta, sono stati anche oggetto di minacce. Dal 6 sino al 17 di novembre gli ausiliari diventeranno 4, con la possibilità di aumentarne il numero dopo la sperimentazione che terminerà all’inizio del 2018.  Per cui giornalmente i controllori della sosta opereranno in coppia. L’idea è nata dal sottoutilizzo del personale di questo settore che invece, ora, potrà rendersi utile nei controlli dei parcheggi. Tuttavia nelle prossime 2 settimane, salvo casi estremi e reiterati, gli ausiliari si limiteranno ad apporre sui parabrezza delle auto biglietti di avvertimento (una sorta di “cartellino giallo”, ndr). Dal 18 novembre, invece, partiranno le contravvenzioni”-.

Nello stesso periodo il Cit impiegherà anche gli autisti non utilizzati nell’arco della giornata, per controllare eventuali evasori del biglietto dell’autobus.

“Per gli autisti sottoutilizzati vale lo stesso discorso dei necrofori – aggiunge Licata -. Il personale salirà sui bus per controllare l’avvenuto pagamento del biglietto. Consegnerà a chi non ha acquistato il biglietto un primo avviso e dopo due settimane potranno contravvenire anche loro”-.