Un anno di tempo per riqualificare il monumento ai Caduti della Prima Guerra mondiale

0
62
Capriata d'Orba fiori davanti alle Croci dei Caduti nell'area monumetnale davanti al cimitero .JPG

CAPRIATA D’ORBA. Sarà inaugurato il 4 novembre del 2018 nel centenario della fine della guerra del ’15-’18 il monumento ai Caduti della Pimo Guerra Mondiale. Gli interventi di rifacimento prevedono anche la riqualificazionedell sentiero delle Croci antistante il cimitero, inoltre all’interno del camposanto saranno ristrutturate le tre tombe monumentali, dedicate ai Caduti. “Stiamo reperendo i fondi – anticipa il sindaco Daniele Poggio – la spesa non è ancora definita. Potrà variare da 30 mila a 60 mila euro in base al materiale utilizzato per la riqualificazione del campo della Memoria, mentre per le tombe antiche ci rifaremo al parere della Soprintendenza regionale”. Le piccole croci allineate fra due file di alberi sono in attesa di manutenzione e sarà l’occasione per migliorare l’area.

“La nostra speranza è che compaiano bandi di finanziamento in tal senso, altrimenti provvederemo attingendo da risparmi di bilancio e ricavi derivanti dal rinnovo delle concessioni cimiteriali”. Sette nuove cappelle sono finite e pronte da vendere, il ricavo previsto è di 140 mila euro. “Basterà per completare i lavori di ampliamento al cimitero, rifare l’ingresso e mettere mano alle tombe storiche in prossimità del corridoio centrale”. All’esterno del cimitero per riqualificare il viale della memoria dopo oltre 25 anni dall’inaugurazione, il Comune vuole inserire due muretti di protezione in pietra del Carso e intervenire sulle insegne per circa 60 Caduti.

“Su cinque Croci ammalorate non si poteva aspettare, siano intervenuti in occasione del 1° novembre. Molte sono in legno, altre in ferro, per evitare che in futuro si deteriorino, utilizzeremo la stessa pietra come insegna, fissando su ciascuna l’elmetto in metallo, che reca la data e il nome di ogni Caduto”.

Più memoria in un cimitero sempre più aperto ai cambiamenti. In tre anni sono stati spesi circa 350 mila euro, finanziati dal rinnovo delle concessioni. “Ci sono richieste di nuovi loculi da Genova – ribadisce sindaco Daniele Poggio – per legami d’affetto, ma anche per la cura degli spazi e la vicinanza al casello autostradale. Più decoro e servizi hanno migliorato la capacità di ampliamento”.