Barisone-Bisio, il verdetto è vicino

0
1557
Il municipio di Molare
Molare

“Nives era una donna straordinaria, ma non c’è più, abbiamo bisogno di un nuovo sindaco, vinca il migliore”. Nel paese commissariato per la prematura scomparsa della sindaca Enrica Nives Albertelli, che eletta nel 2014 è morta a novembre del 2016, stroncata da un tumore all’età di 59 anni, il voto dell’11 giugno è particolarmente sentito da 2200 abitanti.

I candidati alla successione sono due, sostenuti da due liste civiche. La numero 1 “Rivivere Molare” è guidata da Andrea Barisone, 31 anni, nato a Genova, è laureato in scienze politiche con specializzazione in economia dell’ambiente e della cultura ed è apicoltore. La lista numero 2 “Insieme Per Molare” è per Gianmarco Francesco Bisio, 63 anni, ha sviluppato la sua esperienza nella formazione professionale, ex sindaco di Molare dal 2004 al 2014, è presidente del Consorzio servizi sociali e del Gal – Borba, è stato consigliere comunale a Ovada, in provincia e vice presidente della Comunità montana Alta Valle Orba.

Esperienza e rinnovamento si misureranno all’ultimo voto con slancio e passione, nessun dettaglio è lasciato al caso nei programmi e nella dialettica. “Il clima è frizzante e frenetico – dicono gli stessi candidati, incontrati qualche giorno fa in paese – ci sarebbe da preoccuparsi se non fosse così, il confronto è aperto e leale, non verrà mai meno la sportività”. Anche la rivalutazione dei gloriosi impianti sportivi è nelle priorità dei candidati, che sfidano la crisi. Barisone vuole un paese “più vivo e accogliente per i residenti e per gli ospiti”, Bisio vuole “recuperare il senso d’identità, senza il quale non si costruisce la paesitudine”.

La squadra di Barisone è formata da: Raffaella Alessandra Bombonato, Pierluigi Canepa, Eloisa Cuppari, Franco Facino, Irene Giardini, Fabio Saponaro, Fabio Travaini, Mirko Vignolo, Mario Villa.

Bisio schiera: Gabriella Arata, Lorenzo Luigi Bisio, Emilio Bonaria, Giovanni Andrea Dal Corso, Stefano Esposito, Lorenzo Angelo Giani, Simona Ines Pesce, Giacomo Priarone, Giancarlo Repetti, Shannon Van Coller.

Intendono ridurre le tasse, migliorare i servizi, sviluppare percorsi e sentieri turistici. Il metodo farà la differenza.