Condannato a due anni l’uomo che ha rotto gli specchietti retrovisori di 15 auto.

Il libico sconterà la pena in Sardegna, lontano da Novi Ligure, dove aveva già creato molti problemi.

0
55

Condannato a due anni l’uomo che venerdì scorso era stato arrestato dai carabinieri dopo aver danneggiato gli specchietti retrovisori di almeno quindici macchine parcheggiate in via Marconi e nel parcheggio della piazzetta all’incrocio con Via Peloso, a Novi Ligure. Hanine Rabie, 39 anni, libico, era tornato in città dopo essere uscito dal carcere, dove era finito per una serie di condanne per reati in materia di stupefacenti. Nella mattina del 30 dicembre aveva pensato bene di prendere di mira le auto del centro storico.

Il nordafricano, secondo i carabinieri, aveva già creato problemi in molti esercizi pubblici poiché beveva e faceva uso di droga, diventando molesto. Lo scorso anno, a settembre, si era già preso una denuncia da parte dell’Arma poiché aveva minacciato la dipendente di un bar: la donna aveva chiesto a Rabie di uscire dal locale essendo arrivato l’orario di chiusura ma l’uomo si era rifiutato, chiedendo ancora da bere. Ora sconterà la condanna in una casa colonica in Sardegna, lontano da Novi Ligure.