“Daspo sportivo” per due giovani supporters della Gaviese.

Denunciati dai Carabinieri.

0
260

Durante la partita di calcio tra la Novese e la Gaviese che si è giocata il 24 febbraio scorso, due ventenni supporter della Gaviese avevano acceso e lanciato petardi e fumogeni verso la tifoseria avversaria e sul campo di gioco, creando pericolo per gli spettatori, i calciatori, gli arbitri e i guardalinee.

Già nel corso della partita, i Carabinieri di Novi Ligure e Gavi avevano avviato le indagini per identificare i responsabili, che con il loro comportamento avevano creato allarme anche nei residenti delle abitazioni vicine allo stadio, preoccupati per le esplosioni provocate dai petardi e ripetutamente segnalate alla Centrale Operativa. Subito dopo la partita, i Carabinieri presenti allo stadio avevano tentato di dare un nome ai giovani ritratti nell’atto di accendere e lanciare gli artifici nelle riprese  foto e video con cui avevano documentato i fatti.

A seguito della denuncia, i Carabinieri di Gavi hanno proposto i responsabili per il “Daspo sportivo”, successivamente emesso dal Questore di Alessandria, che vieterà ai due giovani l’accesso agli eventi sportivi per un anno, di qualunque competizione e categoria, sia in Italia che all’estero, compresi i luoghi di sosta, transito e trasporto di coloro che partecipano o assistono alle competizioni.