Al Teatro Marenco, “TarantElla”, un messaggio di fratellanza.

Uno spettacolo tra discipline aeree, acrobati rotanti, la poetica di Eduardo de Filippo e un omaggio a Charlie Chaplin, giovedì 15 dicembre.

0
164

Poesia, musica, danza e acrobazie. Sono questi gli ingredienti dello spettacolo TarantElla”  che sarà rappresentato giovedì 15 dicembre sul palco del Teatro Marenco a Novi Ligure.

Le vicende che ispirano lo spettacolo TarantElla prendono avvio nel 1943. La guerra sullo sfondo, lontana, forse, dal piccolo paese del sud dove arrivano alcuni soldati alleati, rimasti isolati dalla propria guarnigione. Paura, diffidenza dei popolani, costretti, loro malgrado, ad accettare la temporanea convivenza con gli stranieri, sollievo momentaneo dei militari, che rivivono gli orrori della battaglia o recuperano ricordi lontani. Sul palco si materializzano le atmosfere di un locale del Sud Italia negli anni ’40; una piccola bolla nel tempo che viene scossa dall’arrivo della guerra con alcuni soldati alleati in cerca di riparo e ristoro.

Poi il riavvicinarsi della guerra spinge gli uni e gli altri a trovare un senso alle difficoltà nel recupero dei valori universali, spinti dalla necessità di vivere intensamente ogni momento, come recita una poesia di Eduardo De FilippoNcopp’ a sta Terra“. La musica, un ballo collettivo, una “Tarantolata” esaltano la speranza nella rinascita e lanciano un messaggio di fratellanza.

Tarantella e Jazz si scontreranno su questo campo di battaglia metaforico in cui “l’altro” pur essendo amico è diverso, da conoscere, tollerare forse o con cui addirittura condividere la propria esistenza.

Musicisti dal vivo, una cantante Jazz, giochi di luce e suoni ci porteranno nei due mondi della Tarantella e delle Danze del Sud più scatenate contro il Jazz americano di Ella Fitzgerald e lo Swing d’Oltreoceano in un incontro/scontro epico da vivere tutto in coreografie magiche di danza e circo contemporaneo. Uno spettacolo che ci permetterà di astrarci dal “qui ed ora” per assurgere ad emozioni sincere, antiche e da rinnovare per un presente più consapevole e pieno di vita.

Un delicato equilibrio tra circo e teatro dove la realtà è vista in una chiave surreale grazie a piccole pazzie e una dolce poesia, che permette di emozionare e divertire rievocando intimi ricordi con ironia, spensieratezza, divertimento e gioia, un intenso sistema tra gesti, acrobazie mozzafiato, musica, luci e scenografia. Un’esibizione per emozionare e divertire, il primo passo verso l’inizio di un viaggio…

In scena gli acrobati Milo Scotton, Valeria Quatrale, Valentina Padellini, Raffaele Riggio, Alice Di Stefano, Lucia Brusadin, Cristian Rodriguez che si esibiranno sulle musiche interpretate da Simone Grimaldi, Andrea Maracci, Raffaella Buzzi, Roberto Cannillo.

Ideazione, drammaturgia e regia, Milo Scotton. Coreografie, Clelia Riva, Barbara Crescimanno

Per questo spettacolo sono ancora disponibili pochi biglietti, per maggiori informazioni di biglietteria: https://www.teatroromualdomarenco.it/biglietteria-teatro-romualdo-marenco