Cabella Ligure: un paese che è un fiore

0
1078

Dopo aver superato i cartelli di prossimità collocati lungo la provinciale e il ponte sul Liassa, chi arriva a Cabella si trova davanti ad un cartello giallo. Sul cartello c’è scritto “Comune fiorito”. Non che serva un cartello per affermare ciò, basta ruotare lo sguardo, surfinie a perdita d’occhio, angoli singolari, dove antichi carri, carriole, aratri, botti, eccetera, sono rivestiti di fiori di ogni colore.

Il cartello è la prova tangibile di un’avventura nata per scommessa e finita con la vittoria. Tutto è iniziato la primavera del 2016, quando il sindaco Roberta Daglio ha deciso di partecipare al concorso nazionale “Comuni fioriti” promosso da l’As.Pro.Flor- Associazione Nazionale dei Produttori Florovivaisti in collaborazione l’Atl Distretto Turistico dei Laghi.

Inizialmente  il progetto è apparso forse un po’ troppo ambizioso, anche in virtù del fatto che al concorso partecipano comuni come Merano la perla dell’Alto Adige,   Prés Saint Didier famoso centro termale della Valle d’Aosta, insomma amministrazioni ricchissime, che posso investire migliaia di euro nell’allestimento floreale. Non importa, il progetto si fa e qualcosa succederà. Infatti qualcosa è successo. Alla premiazione che si è svolta a novembre scorso a Bologna, Cabella si è aggiudicata tre fiori su quattro, ha vinto praticamente tutti i premi in lizza, è stata inserita nella “Guida ai Comuni Fioriti d’Italia”  e a maggio scorso è arrivato un camion di surfinie, letteralmente un camion. Quindi pronti via ci si riprova! Il tema di quest’anno è il viaggio; dal carro alla bici passando per il trenino fino ad arrivare alla 500, l’auto più famosa al mondo che proprio quest’anno compie 60 anni.

E questa è Cabella comune fiorito!