Novi: arrestato anche l’uomo accoltellato davanti alla stazione.

Aveva esibito ai carabinieri un documento d’identità falso

0
502
La stazione ferroviaria di Novi Ligure

Nella notte tra sabato e domenica i carabinieri di Novi Ligure hanno arrestato arresto Abdelilah Zahraoiu per il reato di lesioni aggravate in seguito all’accoltellamento di un connazionale. Tuttavia, nel tardo pomeriggio di ieri, a seguito degli approfonditi accertamenti è finito i n manette anche la vittima, le cui generalità non sono risultate quelle da lui fornite. L’uomo, che aveva detto ai militari di chiamarsi Adam Idrissi Echourfi, nato in Belgio nel 1993 è risultato invece essere Alfadil Eljanati , nato in Marocco nel 1991. A seguito della segnalazione pervenuta sul 112, i carabinieri erano intervenuti rapidamente, verso le 2, in quanto si trovavano a transitare proprio nei pressi della stazione ferroviaria di Novi Ligure. Nell’avvicinarsi avevano notato Zahraoiu che, alla loro vista, aveva dapprima cercato di allontanarsi velocemente salvo poi tornare sui suoi passi e fingere di interessarsi all’accaduto. “Non lo conosco, l’ho incrociato in via Roma ed era già stato colpito”. Questa la prima versione fornita a uno dei militari, mentre l’altro cercava di fare qualche domanda alla vittima in attesa dell’ambulanza. Vittima che era in possesso di un documento rilasciato dalle autorità belghe e che, anche in ospedale, aveva continuato a sostenere di essere nato in Belgio.

Stazione ferroviaria di Novi

“Fammi vedere dove l’hai incrociato”, la domanda del brigadiere dei carabinieri, ma nonostante l’aggredito fosse in una pozza di sangue, nessuna traccia ematica veniva rinvenuta in via Roma, nei pressi di corso Marenco ove era stato soccorso. A non convincere i militari, anche le tracce di sangue presenti sul volto e sui vestiti del sospettato, che continuava a dichiararsi estraneo ai fatti. Che qualcosa non tornasse in quella versione era ormai chiaro ai carabinieri, che per scrupolo hanno setacciato la zona nella direzione in cui sembrava essersi allontanato lo Zahraoiu, rinvenendo, appoggiato sopra un cestino della spazzatura, il coltello utilizzato, ancora sporco di sangue. Non doveva avere avuto nemmeno il tempo di assicurarsi di averlo occultato nel cestino, Zahraoiu, convinto di essersene disfatto, ha confidato nelle sue capacità di convincimento, fingendosi addirittura preoccupato per il connazionale. “Chiamiamo un’ambulanza, qui è pieno di sangue!”, aveva detto ai carabinieri. Ma la primissima intuizione dei militari, che nel transitare in corso Marenco avevano incrociato lo sguardo di Zahraoiu mentre questi faceva per allontanarsi, si è alfine rivelata corretta. Hanno aspettato che Eljanati venisse portato via, sempre tenendo d’occhio lo Zahraoiu, dopo di che, facendosi coadiuvare dai colleghi di Capriata d’Orba, nel frattempo intervenuti loro in ausilio, lo hanno condotto in caserma e lì hanno aspettato, con pazienza, che Eljanati venisse operato per ascoltare dalla sua viva voce la versione dell’accaduto. Nel frattempo hanno effettuato una serie di accertamenti sui cellulari di entrambi, trovando anche un contatto tra i due, che risultavano essersi sentiti per telefono non più di dieci minuti prima dell’aggressione.

Il quadro cominciava così a definirsi. Rimaneva da sentire la vittima, che inizialmente non aveva fornito alcuna collaborazione, sembrando quasi reticente. In ospedale i Carabinieri hanno faticato non poco per capire cosa fosse realmente accaduto, ma il dato fondamentale, ovvero che Zahraoiu fosse stato il responsabile dell’aggressione, alla fine veniva ammesso dallo stesso Eljanati. Mancava tuttavia un ultimo nodo da sciogliere. Un uomo di origini marocchine, aggredito da un connazionale, con un documento esibito ai carabinieri rilasciato dalle autorità belghe, sembrava un po’ fuori contesto rispetto alle solite dinamiche. Per questo, gli operanti, convinti che ci fossero ancora degli aspetti da scandagliare di quella strana vicenda, hanno voluto vederci chiaro. Nel pomeriggio hanno aspettato che la vittima venisse dimessa e l’hanno condotta in caserma. Nel frattempo hanno approfondito gli accertamenti sul suo documento richiedendo al centro di cooperazione di polizia all’estero se il documento fosse genuino e nel contempo hanno sottoposto l’uomo a fotosegnalamento, rilevandogli le impronte digitali. Lo scrupolo degli operanti ha così dato i suoi frutti: l’uomo vittima dell’accoltellamento era Eljanati Alfadil, nato in Marocco nel ‘91 e non Idrissi Echourfi Adam, nato a Bruxelles nel ‘93. Questi risultava sbarcato a Lampedusa nel 2017 e subito dopo colpito da un provvedimento di espulsione del Questore di Siracusa, al quale non aveva mai ottemperato. Gli ulteriori accertamenti presso il Centro di Cooperazione e Dogana di Modane (Francia) hanno dato la conferma che la carta di identità belga esibita da Eljanati Alfadil non era mai stata emessa da quelle autorità. Pertanto, nella tarda serata di ieri i Carabinieri, a conclusione delle indagini, ritenuto che la condotta posta in essere dal Eljanati Alfadil fosse finalizzata a eludere in concreto i controlli di polizia per permettergli la libera circolazione nel territorio europeo, mediante l’esibizione di un documento di un paese comunitario recante la sua foto personale, lo hanno tratto in arresto poiché extracomunitario già destinatario di un provvedimento di espulsione e per uso di atto falso valido per l’espatrio. In attesa del giudizio per direttissima che verosimilmente si terrà nella giornata odierna, l’uomo è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Novi Ligure.