Pronto il piano per l’avvio dell’anno scolastico negli istituti superiori

0
509
liceo Peano Tortona

Il liceo Peano e l’istituto Marconi-Carbone di Tortona sono pronti per la ripartenza il 14 settembre.

Al Peano si cercherà di far lezione il più possibile in classe, specie per gli studenti del primo anno, ma non si esclude una parte di didattica a distanza. E i colloqui con i genitori avverranno in videoconferenza.

Anche al Marconi si prospetta la possibilità, per le terze e le quarte, di presenze alternate, anche se si spera che ciò non accada e che tutti gli alunni possano far lezione in aula.

«Abbiamo diviso i percorsi per entrata e uscita e utilizzeremo anche le scale di emergenza – spiega la dirigente del Peano, Maria Rita Marchesotti -. Per evitare assembramenti l’orario di inizio delle lezioni sarà differenziato – 7,45, 8, 8,15, 8,30 – e di conseguenza anche l’uscita, con moduli da 45 minuti: 6 per il biennio e 7 per il triennio. Per recuperare questo quarto d’ora saranno organizzate attività a distanza secondo un programma che verrà definito».

Il prossimo anno il liceo Peano avrà tre classi in più, quindi 9 prime: 3 dello scientifico, 2 del linguistico, 3 di scienze umane e 1 del classico. Sono 906 gli iscritti complessivi. Sarà utilizzata un’aula al terzo piano che l’anno scorso era rimasta vuota a causa di una infiltrazione dal tetto. La Provincia, proprietaria dell’immobile, si è impegnata a impermeabilizzare la copertura e i lavori inizieranno a breve. Altre due aule saranno ricavate nella sala convegni, suddivisa con pannelli mobili.

Istituto Marconi Tortona
L’Istituto Marconi

«L’intento è di far stare i ragazzi, soprattutto quelli che frequentano il primo anno, il più possibile in classe perchè imparino a conoscersi – aggiunge la dirigente – e così pure quelli di quinta, che devono prepararsi all’esame di Stato. Le seconde, terze e quarte invece alterneranno un giorno in presenza e uno a distanza, ma acquisteremo attrezzature in modo tale che i docenti, mentre fanno lezione in aula, possano seguire i ragazzi a casa. Stiamo predisponendo il regolamento per la didattica digitale integrata, il patto educativo di corresponsabilità con la famiglia e tutto quello che viene chiesto dal Ministero secondo il piano di recente emanazione. Tutti i provvedimenti saranno condivisi con il Collegio docenti e il Consiglio d’Istituto che verranno riuniti a distanza il 24 agosto, mentre i primi giorni di settembre inizierà la formazione sia sulle nuove tecnologie sia sulla didattica digitale integrata».

Al Marconi-Carbone le classi sono 39 come lo scorso anno, circa 760 gli alunni: non servono aule in più. «Sono sufficienti quelle che abbiamo – spiega il dirigente Guido Rosso -. La 1^ Ragioneria al Carbone, con 26 alunni, potrebbe richiedere uno sdoppiamento di pari passo con un’altra prima che ha un numero elevato di ragazzi disabili, per cui bisogna prevedere una presenza di docenti aumentata. Per gli ingressi cercheremo di ritoccare il meno possibile gli orari per evitare assembramenti esterni. Al Marconi abbiamo la possibilità di usare l’ingresso consueto e quelli laterali dai cancelli carrai, mentre al Carbone sfrutteremo l’ingresso posteriore. Per ora ci siamo basati sulle linee guida e siamo pronti a riaprire in completa sicurezza, ma attendiamo le ultime indicazioni».