Tortona: spaccio in Piazza Malaspina. I pusher, un 17enne e un 15enne.

0
690
Carabinieri Tortona

A seguito di segnalazioni ricevute da i residenti e da alcuni genitori, stanchi di vedere i propri ragazzi avvicinati dagli spacciatori e istigati all’uso di droghe nei pressi di Piazza Malaspina, i carabinieri di Tortona, hanno avviato indagini e, nel pomeriggio di ieri hanno arrestato un 17enne di nazionalità lituana residente nel tortonese.

Le indagini condotte dai carabinieri hanno portato alla luce l’esistenza di un florido mercato della droga in cui venivano messe a disposizione degli acquirenti, spesso minorenni, marijuana, cocaina e hashish. Protagonista assoluto di tale attività di spaccio, il minorenne lituano, che nel corso del tempo aveva sbaragliato la concorrenza, affermandosi come colui che riforniva di stupefacente i tossicodipendenti della zona, che ormai consideravano Piazza Malaspina come il luogo “sicuro” ove reperire la droga di cui avevano necessità.

Visti i molteplici, univoci e concordanti elementi di responsabilità raccolti dai carabinieri, il G.I.P. presso il Tribunale per i Minorenni di Torino, ha emesso nei confronti del 17enne un ordine di custodia cautelare in carcere, eseguito lo scorso pomeriggio dai militari tortonesi, che hanno rintracciato ed arrestato il giovane in via Emilia dopo una tentata fuga e aggressione nei confronti dei militari.

Una volta accompagnato in caserma, i carabinieri lo hanno perquisito, trovandolo in possesso di circa 15 grammi di droga, tra marijuana, cocaina e hashish pronti per essere spacciati, nascosti negli slip. Addosso, il ragazzo aveva anche un manganello telescopico di metallo e una bomboletta dell’ormai famigerato spray al peperoncino, posti anch’essi sotto sequestro.

caserma carabinieri Tortona
La caserma dei carabinieri di Tortona

Espletate le formalità di rito, il 17enne è stato condotto presso l’Istituto penitenziario Minorile di Torino, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Dovrà rispondere dei reati commessi in precedenza e che hanno determinato l’emissione del provvedimento del G.I.P. nonché di quelli ulteriormente contestatigli in occasione dell’arresto, quali detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, oltraggio e resistenza a Pubblico Ufficiale, porto di oggetti atti a offendere.

Insieme al 17enne, i militari hanno denunciato in stato di libertà anche un 15enne di nazionalità italiana, che nonostante la giovanissima età è già noto alle Forze dell’Ordine, ritenuto a sua volta responsabile, in concorso a vario titolo con il lituano, della stessa attività di spaccio, nei confronti soprattutto di altri loro coetanei.