Ultimi faccia a faccia Cabella -Muliere prima del ballottaggio di domenica

0
364
Confronto ieri sera al Museo dei Campionissimi tra Gian Paolo Cabella e Rocchino Muliere

Dopo il faccia a faccia di ieri sera al Museo dei Campionissimi, stasera alle 21, a Radio Pnr ci sarà un nuovo confronto per il ballottaggio, tra il candidato sindaco del centro destra, Gian Paolo Cabella e quella per il centro sinistra, Rocchino Muliere.

Non rimane molto da dire, rispetto a quanto è stato detto nel corso di questi ultimi 10 giorni. Ancora due appuntamenti e poi, domenica, via libera agli elettori.

Venerdì la gran chiusura della campagna elettorale. I due schieramenti si fronteggeranno nel centro di Novi a breve distanza l’uno dall’altro.

Il centro sinistra ha scelto piazza Dellepiane. Dalle 17,30 con uno spettacolo musicale – teatrale. Si esibiranno insieme il gruppo Why factor e l’attore Andrea Robbiano. A seguire l’intervento di Muliere. Il centro destra si rivolgerà alla cittadinanza da piazza Indipendenza (i giardini pubblici di fronte al Bar Principe di viale Saffi). Qui è previsto l’intervento di Gian Paolo Cabella.

Rimane ancora aperto il “giallo”, peraltro lanciato proprio da un organo d’informazione vicino al Pd, secondo il quale in caso di vittoria del centro destra, al Movimento 5 Stelle andrebbero due consiglieri. Al contrario, in caso di vittoria del centro sinistra, al M5S sarebbe assegnato un solo consigliere. Questo anche secondo gli esponenti della Lega e di Forza Italia. Ma non degli uffici comunali che ieri hanno diramato un comunicato: seguito di dichiarazioni e commenti apparsi su organi di stampa e social network, l’Amministrazione comunale intende ribadire la veridicità dei dati contenuti nel comunicato stampa diffuso ieri relativo all’attribuzione dei seggi del prossimo Consiglio Comunale in caso di vittoria al ballottaggio dell’uno o dell’altro candidato. Si precisa che la verifica è stata fatta dagli uffici comunali secondo la norma, l’art. 73 del TUEL (Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali), che prevede l’applicazione del metodo d’Hondt (o delle divisioni successive), una prima volta alle coalizioni (gruppi di liste) per l’assegnazione dei seggi spettanti alla coalizione, e una seconda volta per l’attribuzione dei seggi alle singole liste. L’applicazione del metodo d’Hondt in due fasi è il criterio seguito dall’Ufficio Centrale (organo al quale compete la proclamazione del nuovo Sindaco e la ripartizione formale dei seggi), in ottemperanza alle istruzioni ministeriali. Oltre a tutelare la credibilità dell’Amministrazione e il lavoro svolto dagli uffici comunali, la presente precisazione ha lo scopo di evitare la diffusione di informazioni non corrette.