Voltaggio. Le opere restaurate tornano a casa.

Domenica 26 settembre, Convento-Pinacoteca dei Frati Cappuccini

0
119

Due sculture e due dipinti, di epoche e autori diversi; quattro opere d’arte che avevano bisogno di cure: la scultura lignea della Madonna Immacolata di Bartolomeo Carrea del 1802, una seconda scultura lignea che raffigura una coppia di angeli di autore anonimo, risalente al sec. XVIII e due tele “Compianto di Cristo” e “Battesimo di Cristo”, di pittori anonimi, databili nel sec.XVI.

Avevano lasciato il Convento-Pinacoteca dei Frati Cappuccini di Voltaggio e ora vi hanno fatto ritorno. Domenica 26 settembre, alle 16 saranno nuovamente visibili nel corso di un incontro pubblico durante il quale interverranno lo storico dell’Arte, Massimiliano Caldera, e la restauratrice  Margherita Levoni. Le fasi di restauro saranno illustrate con proiezioni video. Modera l’incontro Luciano Bisio, presidente dell’ Associazione L’Arcangelo APS.

Ad introdurre l’evento saranno il sindaco di Voltaggio, Giuseppe Benasso e  Padre Marian Zielinski, Vicario Provinciale Cappuccini Liguria.

A completare la giornata, nell’ambito del progetto “Un Coro per Voltaggio : Arte e Musica in Convento” sarà il concerto del  “Maes Trio”:  Serafina Carpari cantante, Mario Martinengo chitarra, Ezio Vescovo pianoforte.

Il restauro delle opere  è stato promosso da Associazione L’Arcangelo APS – Museo Cappuccini  Genova, curato da Studio Martino Oberto Genova sotto la direzione di Soprintendenza Archeologia Belle Arti e  Paesaggio per le Provincie di AL-AT-CN, con il principale sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo

Hanno collaborato  al progetto: Comune di Voltaggio, Fondazione Cassa Risparmio Alessandria, Viscol Spa, Studio Architettura Buffoni, FAI delegazione Novi Ligure, Elisabetta Ghezzi  e Jessica Paparella.

Per l’occasione si ricorderà il cinquantesimo anniversario (1971-2021) di apertura al pubblico della Pinacoteca

Ingresso soggetto a normativa anti- Covid, posti limitati, si richiedono prenotazione e Green pass. INFO: tel. 347 4608672