Ztl da abolire o da cambiare radicalmente. Dolcino: “Ci penserà la Consulta”

0
400
Via Roma Ztl e transito continuo

“Salviamo via Roma”. È l’appello dei commercianti, almeno quelli superstiti di una crisi che si protrae da otre 10 anni e indica l’istituzione della Ztl, la zona a transito limitato, una delle principali cause della chiusura degli esercizi pubblici.
Negli anni, oltre che ai residenti della zona, i permessi al transito sono stati rilasciati a
moltissime persone anche se, in verità, un paio d’anni fa il Comando della polizia
municipale aveva “scremato” queste concessioni che erano lievitate in modo abnorme.
Tuttavia, secondo gli operatori del commercio, rimarrebbero sempre troppi.
“Via Roma sembra una strada morta – commenta Fabrizio Stasi, presidente del consorzio
“Il cuore di Novi” e vice presidente dell’associazione dei commercianti novesi, Ascom -. Se in giro ci sono oltre 2 mila permessi per entrare in via Roma e gli abitanti sono solo alcune centinaia, che razza di Ztl sarebbe questa? Meglio eliminarla per favorire la ripresa del commercio o riorganizzarla radicalmente. Questo è quello che pensiamo sia come
consorzio che come Ascom. Ultimamente l’assessore Dolcino ha chiesto di istituire una
consulta per il commercio e quindi dovrebbe essere arrivato il momento di ragionare
anche su questa Ztl, in funzione della crisi che attanaglia i negozi. Oggi sopravvivono solo quelli che si trovano a ridosso di piazza XX Settembre”.
“Tra i pochi fattori positivi del commercio novese, i numerosi bar e affini che aprono in
sostituzione dei negozi di altro genere che chiudono – prosegue Stasi -. Questo rende
onore all’attrattiva turistica ma ciò non avviene in via Roma, dove persino due locali storici della ristorazione e della nostra vita notturna, il “B.White” e il “Santo bevitore”, hanno chiuso per trasferirsi in un’altra zona, con più transito veicolare. Si sa che dopo le 17 in via Roma non si dovrebbe più circolare ad eccezione dei residenti. Oggi si sente la mancanza di questi locali la cui assenza definitiva finirà per creare problemi anche agli altri. Negli anni, le varie amministrazioni hanno sempre dato spazio alle necessità dei residenti, senza tener conto di quelle dei commercianti. L’attuale Amministrazione intende creare un mercato di qualità in piazza Dellepiane. Basterà per rilanciare via Roma? Non crediamo proprio. In piazza Carenzi, ad esempio, il mercato alimentare sta morendo”.
“Non tutti i commercianti sono sfavorevoli alla Ztl di via Roma – dice l’assessore al
Commercio, Giuseppe Dolcino-. È come vedere un bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno,
a seconda della propria posizione. Negli anni sono state applicate varie modifiche ma
stavolta cercheremo di adottare quella definitiva grazie all’istituzione della consulta. Presto ragioneremo sui permessi, perché 2 mila sono troppi, ma anche sugli stalli, sugli orari, sugli arredi e su chi posiziona l’auto per ore, in zone adibite a carico e scarico”.