A Borghetto, territorio e musica con Emilio Casalini e Omar Pedrini.

Mercoledì 30 agosto, alle 19.

0
476
L'area del Boscopiano

Nell’ambito del programma ‘NarrAzioni’ di convegni e incontri di ‘Appennino Futuro Remoto’, mercoledì 30 agosto, nell’area attrezzata di Boscopiano, a Borghetto di Borbera, alle 19, si svolgerà una serata di confronto dal titolo “Dialogo, ambiente, territorio e musica”. Ospiti saranno il giornalista Emilio Casalini e il musicista Omar Pedrini, moderati da Luca Ubaldeschi, direttore del “Il Secolo XIX”.

Tramonto a Boscopiano

Dopo i saluti istituzionali, seguiti dalla tavola rotonda e dalle considerazioni degli ospiti presenti. alle 20,15 ci sarà spazio per la presentazione del festival ‘Appennino Futuro Remoto’, sotto la direzione artistica di Laura Parodi, che dopo i grandi successi delle tappe finora svolte a Carrega e nelle sue frazioni vuole farsi conoscere anche al di là della frana, ovvero su quel versante alessandrino ora irraggiungibile dagli abitanti del piccolo borgo se non al termine di un lungo viaggio transitando prima dalla Liguria.

In chiusura di serata, musica dal vivo firmata da Pedrini, leader dei Timoria.

Di sicuro interesse saranno i temi proposti da Casalini, giornalista e fotoreporter da anni protagonista in programmi di punta della Rai, tra cui ‘Report’ e ‘Generazione Bellezza’.

Emilio Casalini
Foto Fb

“L’evento ha un significato importante – dichiara -. Non possiamo pensare alle frane senza immaginare una visione complessiva in cui viene considerato anche lo sviluppo economico. Con le attività di un’economia sana, le persone possono rimanere sui territori. Restare significa difendere un luogo dal dissesto idrogeologico. È importante far lavorare i nostri figli in un posto che scelgono loro, senza essere costretti ad accettare qualcosa di diverso perché non hanno altre possibilità. La crescita di un’economia sana attraverso lo sviluppo di territorio e identità permette di mantenerli vivi. Il 30 agosto, il pubblico non si limiterà ad ascoltare ma potrà anche intervenire e proporre le proprie idee”.

Carrega Ligure e il progetto ‘Appennino Futuro Remoto’, che ha finora raccolto un successo strepitoso, avranno uno slancio importante grazie all’ingente finanziamento destinato all’ente stanziato tramite i fondi europei del Pnrr, attraverso il bando borghi. Tra i vari progetti previsti c’è quello di un albergo diffuso, per il quale i tecnici stanno eseguendo gli studi di fattibilità.

“Il bando evidenzia la centralità della sinergia tra pubblico e privato – aggiunge Casalini -. In questa fase sto notando moltissimi esempi positivi che permetteranno ad altri di capire cosa magari non sta funzionando. Non ci deve essere la paura di sbagliare. L’errore fa parte di un processo. Alcuni Comuni hanno accelerato, mentre altri sono fermi. Se ognuno si prende la responsabilità di questo processo, lo può portare a compimento”.

 Per informazioni, WhatsApp 3792572759 – www.appenninofuturoremoto.it