Appennino Futuro Remoto: a Carrega, Maurizio Lastrico e i Marlene Kuntz.

Sabato 22 e domenica 23 luglio.

0
470
Carrega Ligure

La terza edizione del Festival Appennino Futuro Remoto prosegue a Carrega Ligure.  abato 22 luglio e domenica 23 luglio, il Festival itinerante di musiche, luoghi e tradizioni ospiterà  artisti di grande rilievo, nel contesto naturale bellissimo di Prato Pussai.

A dare il via alla kermesse ricca di eventi, sarà Maurizio Lastrico, che sabato 22 luglio alle 18 presenterà il suo monologo “Lasciate ogni menata voi che entrate”. Uno spettacolo originale, che nasce dall’osservazione di realtà fra loro molto distanti: il mondo dei bar, in cui si mescolano borbottii e luoghi comuni, gli oratori, i teatri stabili in cui si mettono in scena i grandi classici, le scuole, la campagna e la città. Anche in questo monologo, ci saranno i suoi celebri endecasillabi “danteschi”, che mescolano il tono alto e quello basso, che raccontano con ironia di incidenti quotidiani, di una sfortuna che incombe, di un caos che gode nel distruggere i rari momenti di tranquillità della vita. Proporrà inoltre le sue storie condensate, in cui la sintesi e l’omissione generano un gioco comico di grande impatto.
Sarà l’unico evento a pagamento e comprenderà anche un aperitivo nel costo del biglietto d’ingresso (posto unico), acquistabile online sul sito web di Vivaticket al seguente link: www.vivaticket.com/it/ticket/lasciate-ogni-menata-voi-che-entrate/210477 – Per i bambini fino agli 11 anni compresi saranno disponibili tagliandi omaggio da ritirare direttamente sul posto.

ph.Michele Piazza

Domenica 23, alle 17,30, arrivano i Marlene Kuntz.la band cuneese presenterà in un concerto a ingresso gratuito il nuovo album ‘Karma Clima’, nel quale affronta il tema attualissimo del cambiamento climatico. La collaborazione con territori che hanno definito la loro identità attraverso la valorizzazione delle proprie radici e l’incontro con tanti amici che si occupano di riqualificazione ambientale è diventata un generatore di idee a cui partecipano con curiosità ed entusiasmo.

Valori di rete, cooperazione e collettività diventano quindi i garanti di rilancio di un luogo che altrimenti sarebbe abbandonato. I Marlene Kuntz, attraverso la loro musica, si impegnano quindi in prima persona. Come già detto il concerto è gratuito, ma gli organizzatori invitano i partecipanti a portare un libro per arricchire gli scaffali della biblioteca comunale.

La due giorni propone eventi per tutti, con musica, laboratori per grandi e piccini. Il primo sarà dedicato alle danze del luogo con i Ballerini del Connio e Lo Stivale che Balla, accompagnati dalla musica di Fabio Paveto e Claudio Cacco.

Laboratori sveleranno come modellare l’argilla, scolpire il legno e disegnare; e poi giochi di ruolo e passeggiate notturne. Saranno inoltre presenti stand con prodotti locali, manufatti artigianali, ristorante e una zona adibita al campeggio libero e alla sosta camper.

Il sindaco, Luca Silvestri

Abbiamo pensato ad appuntamenti diversi fra loro – spiega il sindaco Luca Silvestri –  in modo che ognuno abbia modo di scoprire il nostro territorio attraverso forme differenti, vivendolo divertendosi e svolgendo nuove attività, mettendosi in gioco e dando, ci auguriamo, spunti di riflessione sullo scenario climatico attuale. Partendo dai bambini, proponiamo un concerto fatto con soli strumenti ottenuti da materiali di riciclo con i supereroi della differenziata grazie ai Ritmicilando. Gli stessi Marlene Kuntz affrontano questo tema grazie alla loro musica. Laboratori sulla scoperta delle piante e altri di danza pongono una riflessione sull’importanza dello stare insieme praticando rituali antichi, trasformatisi in tradizioni e quindi in danze come il BalFolk che fanno muovere centinaia di persone. Lo faremo con i Bifolc Trio e Chacho Marchelli, con cui potremo anche cantare tutti intorno al tavolo grazie ai testi messi a disposizione per favorire una partecipazione corale. Oltre alle musiche e danze delle tradizioni locali diamo spazio anche a quelle irlandesi con uno dei gruppi di punta europei del genere: i Birkin Tree, in compagnia della campionessa di danza irlandese Elisa Giunta. La nostra ‘sfida’, quindi, continua nonostante la presenza della frana che ci isola: lavorare in un contesto così difficile è molto impegnativo ma i consensi avuti finora ci danno forza e per questo invitiamo tutti a raggiungerci per ridurre il nostro isolamento forzato”.

La frana

Per raggiungere in auto Carrega Ligure, a causa della presenza di una frana sulla SP 147 lungo il versante piemontese, si deve percorrere la viabilità ligure. Domenica si potrà raggiungere Carrega in e-bike percorrendo un tragitto che partirà da Vegni per raggiungere poi il borgo accompagnati dalla guida professionista Alessandro Allegro.

Sono numerose le collaborazioni, i partner e i patrocini degli enti e associazioni del territorio, consultabili sul sito web ufficiale  www.appenninofuturoremoto.it.

Per informazioni e dettagli sulle modalità di partecipazione, telefonare al  3772748083. o inviare un’email ad [email protected].