Costole rotte per Bagnasco, rinviata l’udienza del processo Albano.

Il capo dell’ufficio tecnico, imputato con l’ex sindaco e altri, è caduto in bici procurandosi diverse fratture.

0
879
Nicoletta Albano con Pierpaolo Bagnasco

Sono le costole rotte del sindaco di Stazzano, nonché capo dell’ufficio tecnico del Comune di Gavi, la causa del rinvio al 29 novembre dell’udienza del processo all’ex sindaco di Gavi, Nicoletta Albano, allo stesso Bagnasco, all’ex segretario comunale Giovanna Sutera e a Eugenio Rabbia, già consigliere comunale. Il procedimento riguarda le dimissioni che l’allora primo cittadino Rita Semino fu costretta a firmare dietro pressioni e minacce, secondo l’accusa, da parte di Albano, sua vice, alla fine del 2019. I reati contestati, a vario titolo, sono concussione e falso, quest’ultimo riferito alle dimissioni in massa della maggioranza per far decadere Semino, a gennaio 2020. Per Albano c’è anche l’accusa di peculato per l’utilizzo dei fondi comunali per acquistare zanzariere, scope elettriche e per pagare viaggi all’estero. In totale, per 81 mila euro che la dona si è fatta rimborsare illegittimamente, secondo quanto emerso dalle indagini, dal Comune. I processo era iniziato il 13 luglio dello scorso anno e mercoledì 13 settembre sarebbe dovuto entrare nel vivo con l’audizione di alcuni dei testi dell’accusa, cioè i carabinieri e gli agenti della Guardia di finanza che hanno svolto le indagini. Bagnasco però si è rotto numerose costole cadendo in bici e a, fronte di una prognosi di 30 giorni, ha chiesto il rinvio dell’udienza, già fissata in precedenza al 29 novembre prossimo. In quell’occasione saranno sentiti carabinieri e Gdf mentre a gennaio toccherà a Rita Semino, a sua figlia e a sua nipote, che registrarono il dialogo con Albano in municipio, nel dicembre 2019, quando a Semino vennero proposte le dimissioni. Parole registrate dalle tre donne e che vennero portate all’attenzione dell’Arma: da lì scattò il blitz del gennaio successivo in municipio e a casa della Albano alla ricerca della lettera di dimissioni della Semino.