Covid. Diminuiscono i focolai in tutte le scuole del Piemonte.

I dati sono confrontati con l’ultima settimana prima delle vacanze di Natale.

0
253

 Secondo i dati del monitoraggio condotto dalla Regione, nella settimana dal 10 al 16 gennaio 2022, la situazione del contagio nelle scuole registra una diminuzione dei focolai e delle quarantene, rispetto alla rilevazione del 28 dicembre 2021.

I focolai scendono a 227 da 255: 11 nei nidi (età 0-2 anni), 29 nelle scuole dell’infanzia (3-5 anni), 116 nelle scuole primarie (6-10 anni), 30 nelle scuole secondarie di 1°grado (11-13 anni), 41 nelle scuole superiori (14-18 anni). In particolare in provincia di 10 Alessandria attualmente sono 7 primarie, 1 medie, 2 superiori.

Le quarantene scendono a  invece 912 (erano 1035 il 28 dicembre): 73 nei nidi, 273 nelle scuole dell’infanzia, 345 classi nelle scuole primarie, 72 classi nelle scuole secondarie di 1° grado, 117 classi nelle scuole superiori. Nell’alessandrino le classi in quarantena sono 30 di cui 7 nidi, 14 infanzia, 8 primarie, 1 medie),

In età scolastica, nella settimana dal 10 al 16 gennaio, i nuovi casi settimanali su 100 mila per le specifiche fasce di età, è in aumento rispetto alla settimana precedente. Nella fascia tra i 14 ed i 18 anni, l’incidenza è di 3552.9 (+2%).  A seguire la fascia 11-13 anni, in cui l’incidenza è di 3243.3 (+31%) Nella fascia tra i 6 ed 10 anni si attesta a 3209 (+64,3%).  La fascia 3-5 anni registra un’incidenza di 2146 casi (+120,7%).  Nella fascia 0-2 anni, l’incidenza è di 1446.3 nuovi casi (+ 81,3%).

Sulla platea complessiva di 313.000 studenti dai 12 ai 19 anni, sono 260 mila gli aderenti alla campagna vaccinale, ovvero l’83%.  Di questi, oltre 254.000 hanno ricevuto la prima dose (pari al 97,6% degli aderenti e all’81% della platea potenziale). Sono invece oltre 240.000 i giovani che hanno completato il ciclo (92,3% degli aderenti e il 76,7% della platea potenziale).

Su 246.000 bambini dai 5 agli 11 anni, sono circa 76.000 ad oggi gli aderenti alla campagna vaccinale, ovvero circa il 30%. Di questi, 33.000 hanno già ricevuto la prima dose  (45% degli aderenti.

NB. Si evidenzia la criticità di molti bambini in isolamento/quarantena che non possono presentarsi agli appuntamenti previsti e che la Regione riprogramma immediatamente non appena usciti dal provvedimento contumaciale.