Degenera la festa sudamericana all’ex ippodromo Romanengo

0
2143
Ippodromo Romanengo

“Solita festa movimentata” di un gruppo di ecuadoregni che si sono letteralmente scatenati all’ex ippodromo Romanengo di Novi (oggi “Ippodromo famiglia Ricci”) lo scorso fine settimana.

L’Associazione latino – americana  che solitamente affitta l’area ippica, ha ecceduto nel corso di una festa all’aperto, tanto che sollecitati da numerosi abitanti della zona infastiditi dal frastuono generato dai partecipanti e dalla musica ad elevato volume, sono intervenute diverse pattuglie dei carabinieri. I servizi si sono protratti per tutta la notte sino al mattino, poiché parecchi dei partecipanti alla festa, sotto l’effetto di alcol hanno scorrazzato fino al centro di Novi. In totale sono state identificate 25 persone, tutte sudamericane, di cui 3 denunciate alla Procura per guida sotto l’effetto di alcol e ricettazione di un ciclomotore risultato essere stato rubato. Addirittura in 4 viaggiavano zigzagando sul ciclomotore, incuranti dle traffico e dei passanti. Sorpresi dalle forze dell’ordine avevano anche cercato di mischiare le carte sostituendosi vicendevolmente al posto di guida, per corpire il connazionale ubriaco.

Un triste declino per l’ippodromo di Novi che oggi ospita solo come ricovero alcuni cavalli ed è lontanissimo dai fasti del passato, quando era attivo un importante centro ippico. I carabinieri adesso stanno indagando sulla regolarità delle autorizzazioni per questa festa privata.

“Mi sono semplicemente limitato ad affittare l’area ad una regolare associazione, come del resto è avvenuto in passato – spiega Claudio Ricci, proprietario della struttura-. Finora non era mai accaduto nulla di anomalo. I sudamericani, in prevalenza ecuadoregni, hanno messo a punto un campetto da calcio, uno da pallavolo e altre strutture ludico – sportive. Non conosco ancora i dettagli di quanto sia accaduto, ma tuttavia, pur ritenendomi estraneo a questi fatti, mi tutelerò tramite il mio legale. Se l’ippodromo tornerà ad essere un’area sportiva? Mai dire mai. Per il momento la gestisco e la affitto pensando a non andare in perdita. Non è detto che non la ceda a qualche investitore interessato. Se ci fosse, si facesse avanti”-.