Denunce e sequestri nel territorio del novese.

Dimesso dall'ospedale il ragazzino trovato ieri nel container.

0
962

Nell’ambito dei controlli  del territorio i carabinieri di Novi Ligure, hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria due cittadini di nazionalità italiana, due albanesi e infine un cittadino di nazionalità macedone.

Il cittadino italiano fermato ad Arquata Scrivia, D.G., di 35 anni, era in evidente stato di ubriachezza. L’uomo, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, che è stato sottoposto a sequestro penale.  L’uomo,  che è stato trasferito all’ospedale di Novi, oltre a essere multato per ubriachezza molesta, dovrà rispondere del reato di possesso ingiustificato di oggetti atti a offendere. Medesimo reato è stato contestato a un cittadino macedone, S.M. di anni 41, fermato a bordo del suo autocarro in Novi Ligure e trovato in possesso di un coltello a serramanico.

Sempre a Novi Ligure, un cittadino italiano, R.M. di 27 anni, sottoposto ad accertamento con etilometro, è stato riscontrato avere un tasso alcolemico nel sangue superiore a 0,80 g/l e per tale motivo dovrà rispondere penalmente per la prevista violazione del codice della strada. La sua patente è stata ritirata e il veicolo sequestrato ai fini della confisca. Altro reato previsto dal Codice della strada è stato contestato a Novi Ligure a un cittadino di nazionalità albanese, M.D. di 50 anni, che è stato fermato a bordo della sua autovettura privo della patente di guida, mai conseguita. L’uomo, poiché recidivo, era già stato fermato lo scorso anno,  è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. A Capriata d’Orba, è stato rintracciato un altro cittadino albanese, S.D. di 35 anni, che è risultato irregolare sul territorio nazionale.

Infine, i militari multato  un novese 18enne per il possesso di stupefacente, nello specifico “ketamina” e segnalato per uso personale alla Prefettura di Alessandria. E’ stata anche segnalata la violazione al codice stradale commessa da un cittadino marocchino residente sul territorio nazionale da oltre 60 giorni per non aver convertito la targa del proprio autoveicolo in targa italiana. L’uomo si è rifiutato di provvedere al pagamento della sanzione e per questo, l’autovettura è stata sottoposta a fermo amministrativo cautelare

Inoltre è stato dimesso dall’ospedale di Alessandria, dove era stato ricoverato per accertamenti, il ragazzino trovato ieri dai carabinieriall’interno di un container proveniente dalla Tunisia. I carabinieri erano inetrvenuti presso la ditta Vectorys, di Strada Boscomarengo in Novi Ligure, su segnalazione dell’autista che aveva prelevato il carico al porto di Genova, l’uomo ha sentito dei rumori all’interno del container e ha allertato le Forze dell’Ordine che hanno aperto i sigilli che non erano stati manomessi. All’interno i militari hanno trovato un  giovane migrante,  sprovvisto di documenti. Il ragazzo è stato dimesso ed è in buone condizioni di salute. Sono in corso le attività per inserirlo in una struttura convenzionata per minori stranieri non accompagnati.