Carrega isolata da due anni. 5 mesi per installare un contatore.

La strada provinciale 147 chiusa da 24 mesi: a fine maggio (forse) la riapertura.

0
718
Il cancello installato a Carrega lungo la strada 147

Due anni di isolamento per Carrega. Oggi, 1° maggio, il Comune dell’alta Val Borbera festeggia, si fa per dire, i 24 mesi con la strada 147 chiusa a causa della frana caduta sulla provinciale. Una vicenda caratterizzata da lungaggini, imprevisti e intoppi. Chi abita nel capoluogo e nelle frazioni oltre la frana, caduta prima di Connio salendo dalla Val Borbera, da due anni deve scendere in Liguria per arrivare ad Arquata Scrivia e poi a Cabella Ligure con un percorso di alcune ore. La strada era stata liberata lo scorso autunno dalla Provincia ma ancora oggi non è transitabile poiché deve essere concluso il sistema di sicurezza previsto poiché la montagna potrebbe ancora franare. A proposito di lungaggini, l’atteso contatore necessario per attivare cancelli, sbarre, sensori e semafori è stato finalmente installato dopo ben 5 mesi di attesa. Da lunedì al via la pulizia delle barriere metalliche a protezione della strada, piene dei detriti caduti in occasione dell’ultima frana. Ci vorranno alcune settimane e poi, forse, la provinciale sarà riaperta ma il versante, in caso di pioggia, si dimostra ancora instabile e in autunno e inverno la strada rischia di rimanere chiusa per molto tempo. Per questo gli amministratori comunali insistono per la costruzione di una galleria artificiale a protezione della strada lungo il tratto in frana. Finora, però, sono solo richieste.