Il sindacato vuole chiarimenti dalla proprietà dell’Outlet di Serravalle Scrivia per quanto avvenuto lunedì in occasione dell’alluvione. I dipendenti e numerosi clienti sono stati costretti a rimanere all’interno del centro commerciale poiché la direzione non ha voluto chiudere anticipatamente i negozi. Lo stesso è avvenuto nel Retail Park, dove i clienti hanno potuto andarsene solo alle 4 di notte. Le strade erano infatti allagate o interrotte e solo una chiusura prima dell’orario consueto avrebbe evitato tutto ciò. “A seguito della grave emergenza maltempo che ha causato numerosi danni e disagi lungo le strade della provincia nella giornata di lunedì scorso – dicono i sindacati – riteniamo importante che una struttura come l’Outlet di Serravalle Scrivia riceva i sindacati per affrontare e condividere procedure e protocolli da seguire in occasioni di allerta meteo. L’obiettivo principale sono la sicurezza e l’incolumità dei numerosi dipendenti e dei clienti del centro”.

Maura Settimo, Segretario Uiltucs Alessandria, dice: “Insieme ai sindacati Filcams e Fisascat, abbiamo richiesto all’Outlet un incontro urgente per far si che non si ripeta quanto è avvenuto due giorni fa. Infatti, lunedì scorso i dipendenti in servizio sono stati invitati tramite e-mail a restare in negozio in attività fino alla regolare chiusura del centro e gli è stato impedito di mettersi in strada per rientrare a casa. Alcuni, da quel che ci risulta, hanno anche trascorso la notte nel centro”. Oggi, giovedì 24 ottobre, il centro commerciale resterà chiuso a fronte della possibile nuova emergenza. “Riteniamo necessario – conclude Settimo – che si faccia chiarezza e si condividano modalità per affrontare situazioni di emergenza che ahimè si verificano sempre più spesso sul territorio alessandrino”.

Intanto, ha ricominciato a piovere dalle 4 ma finora non si registrano ulteriori problemi sul territorio. Scuole chiuse quasi dappertutto e inviti da parte delle autorità a non utilizzare i mezzi di trasporto se non per urgenze.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa storia di Miro Zunino, il “brasiliano” di Lerma
Articolo successivoNuove evacuazioni e rabbia tra gli abitanti di Monserito.