La piscina è chiusa da settembre: caldaia e sicurezza le cause

La prossima settimana incontro decisivo su come risolvere i problemi.

0
844
La vasca della piscina coperta di Arquata Scrivia
La vasca della piscina coperta di Arquata Scrivia

La piscina di Arquata Scrivia è chiusa da settembre e non c’è ancora una data sicura per la riapertura. L’impianto non ha attivato i corsi di nuoto nei mesi scorsi poiché il Comune, proprietario della struttura, ha dovuto cambiare la caldaia con una spesa di circa 100 mila euro ma successivamente, come spiega l’assessore Paolo Spineto, il Servizio prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro (Spresal) dell’Asl Al ha sollevato un problema relativo al locale che ospita le pompe della piscina. In sostanza, l’ingresso del vano deve essere allargato per questioni di sicurezza e il Comune sta cercando la soluzione con Aquarium, gestore della piscina, che possa soddisfare le richieste dello Spresal. La prossima settimana è previsto un incontro tra Comune e Aquarium. I lavori dovrebbero iniziare fra non molto tempo. Sulla piscina è inoltre ancora in corso il contenzioso legale tra il Comune e l’impresa costruttrice, finito in Cassazione.