Una classifica delle destinazioni preferite dai viaggiatori single e in coppia per San Valentino. Sempre alla ricerca di un amore da Cinema.

A volte il compagno di viaggio può essere il viaggio stesso. Si, avete capito bene. Se pensate che San Valentino sia una festa per sole coppie vi state sbagliando, e a dirlo sono le statistiche di viaggio che registrano, nel 2018, un incremento di viaggiatori singoli (o single se volete) anche in occasione della festa più mielosa dell’anno.

L’amore può essere dunque anche quello per il viaggio e per l’incontro di nuove persone o il ricongiungimento con vecchi amici che non si vedeva da tempo. Se invece il viaggio è di coppia, si va alla ricerca dello scenario più romantico possibile, quasi da film.

viaggi san valentino
Anche qui però abbiamo una sorpresa. I dati, infatti, ci svelano un incremento di viaggiatori single rispetto al 2017 sotto San Valentino (partenze dall’Italia tra il 7 e il 14 febbraio 2017 versus 7-14 febbraio 2018).
E indovinate dove si dirigono questi viaggiatori single?
Verso mete che sono state anche sedi di grandi film d’amore:

1. Casablanca +179%
2. Tunisi +140%
3. La Havana +115%

A Casablanca è stato ambientato il celebre omonimo film del 1942 con Humfrey Bogart e Ingrid Bergman; a Tunisi e in Tunisia è stato ambientato il film Il Paziente Inglese del 1996 con Ralph Fiennes e Juliette Binoche; infine La Havana è stato lo sfondo del film Fragola e Cioccolato del 1994 (pellicola che tocca anche il tema dell’amore omossessuale).

Non ve lo aspettavate vero?
Film, passione, amore oppure ricerca di un amore che ancora non c’è. Il viaggio racconta tutto questo e molto altro.

Fra i viaggiatori in coppia le prime tre mete preferite risultano l’intramontabile Parigi, Amsterdam e Milano. I Single prediligono Milano, Catania e Londra.


Se volete conoscere le classifiche complete delle mete dei single e delle coppie per San Valentino leggete l’articolo completo a questo LINK.

Buon viaggio verso la vostra meta

CONDIVIDI
Articolo precedenteMonleale travolta dal ciclone Milano
Articolo successivo“Il centro di documentazione della Benedicta è necessario. I costi? Devono rispondere Regione e Provincia”