Mornese, l’asilo infantile delle suore rischia la chiusura.

A settembre ci saranno meno di otto bambini. Dal 2020, salvo un aiuto dal Comune, è prevista la chiusura. La minoranza ha chiesto una discussione in Consiglio comunale.

0
598

L’asilo infantile di Mornese rischia di chiudere. Salvo novità, dal settembre del 2020 le suore Figlie di Maria Ausiliatrice chiuderanno i battenti di questa vera e propria istituzione per il paese dell’Ovadese e per gli altri centri limitrofi, situata nel collegio di via Ferrettino, dedicato a Santa Maria Domenica Mazzarello. A mettere in pericolo l’attività della scuola è il calo demografico che colpisce tutto il territorio. Così, tra Mornese, Casaleggio Boiro, Montaldeo e Parodi Ligure ci sono meno di otto bambini per l’asilo delle suore, troppo pochi. “A settembre – spiega suor Ivana Milesi, direttrice del collegio – l’asilo sarà regolarmente aperto. Per il futuro abbiamo voluto avviare un dialogo con l’amministrazione comunale facendo presenti le nostre difficoltà. C’è infatti un problema di calo demografico. Per il prossimo anno scolastico, salvo novità, avremo meno di otto bambini iscritti, numeri troppo ristretti per poter mandare avanti la scuola materna, alla quale servono almeno dieci-dodici alunni.

Mornese, il santuario dedicato a Santa Maria Mazzarello

C’è un anno di tempo per valutare cosa fare con il Comune”. Suor Ivana assicura che il problema non è solo economico ma con così pochi bambini sarebbe difficile per chiunque andare avanti, tenendo anche conto del personale. Oltretutto, nel collegio la congregazione negli ultimi anni ha fatto una serie di investimenti proprio per mettere a norma l’asilo. La minoranza ha chiesto la convocazione di una seduta del Consiglio comunale per conoscere ufficialmente la situazione dell’asilo. Il capogruppo Marco Mazzarello spiega: “In considerazione del servizio che verrebbe a mancare in caso di chiusura dell’asilo, abbiamo chiesto di conoscere quali siano le iniziative che intende adottare l’amministrazione comunale. Inoltre, si deve tener conto che se si perde la scuola materna e i bambini dei paesi limitrofi vanno altrove sono in pericolo anche le medie di Mornese”. Il sindaco, Simone Pestarino, rieletto il 26 maggio scorso, preferisce non rilasciare dichiarazioni. Senz’altro parlerà in Consiglio comunale.