A Vignole una nuova piscina a costo zero per le casse comunali.

La vasca vicino a Villa Figini pagata come “compensazione” dall’impresa Soteco. L’opposizione: “Il cantiere fermo per la scoperta di una falda”. Il sindaco: “Falso, è sospeso per una modifica al progetto”.

0
1107

A Vignole Borbera sorgerà una nuova piscina estiva e sarà a costo zero per i vignolesi. Vicino a Villa Figini, acquisita dal Comune per realizzare con i soldi del Terzo valico,  tra l’altro, un ostello, è attivo il cantiere della nuova area sportiva dove sono in programma campi da calcetto, tennis e padel coperti e un’area camper, finanziati grazie alla Regione. Il tutto all’inizio della pista ciclopedonale realizzata negli anni scorsi sempre con fondi dell’alta capacità. La costruzione della piscina è già iniziata e la spesa sarà a carico dell’impresa toscana Soteco. “L’impianto – spiega il sindaco, Giuseppe Teti – sarà pagato dalla ditta, alla quale il Comune ha affittato dei terreni per il campo base da 200 operai riferito ai lavori in programma sull’autostrada A7. La Soteco ha accettato di “compensare” l’installazione del campo base pagando la piscina”. Il cantiere della piscina deve terminare entro il 31 dicembre, secondo il cronoprogramma ma al momento è tutto fermo. In Consiglio comunale la questione è stata sollevata con un’interrogazione dall’opposizione, secondo la quale l’attività sarebbe stata sospesa a causa della scoperta di una falda acquifera proprio con lo scavo. Il Comune, sempre secondo la minoranza, a questo punto dovrà cercare un altro luogo dove realizzare la vasca. Il sindaco smentisce: “Il cantiere è stato fermato provvisoriamente solo perché il Comune di recente ha comprato altri terreni limitrofi dove intende realizzare un parcheggio, spogliatoi e spazi dedicati alle bici elettriche, per cui il progetto è stato rivisto. La falda scoperta scavando sarà utilizzata per alimentare la piscina invece che utilizzare l’acquedotto. La vasca, ovviamente, non sarà spostata”.