Nell’affascinante cornice del Museo dei Campionissimi di Novi Ligure si è svolta domerica 17 dicembre la cerimonia di premiazione dell’Atleta e del Dirigente Sportivo novese dell’anno. Il premio è stato organizzato dall’Unione Nazionale Veterani dello Sport-sezione “Costante Girardengo” di Novi Ligure.

Sul palco è salita la giuria che ha valutato le domande e assegnato le medaglie, composta dal presidente dell’UNVS di Novi Ligure, Ing. Francesco Melone, il Sindaco, Rocchino Muliere, la delegata del C.O.N.I. dott.ssa Bruna Ballossino, l’assessore allo sport, Stefano Gabriele ed il giornalista de “L’Inchiostro Fresco”, Fabio Mazzari.

Commovente la premiazione dell’ “Atleta dell’anno”, la medaglia dell’U.N.V.S. è stata infatti assegnata alla memoria di Andrea Chaves, lo sfortunato atleta novese e valborberino scomparso a soli ventun’anni lo scorso 8 settembre sul Monte Bianco. La giuria ha scelto all’unanimità di assegnare il riconoscimento postumo ad Andrea. Le motivazioni: ”già dall’età di sette anni Andrea Chaves iniziò l’attività sportiva presso la società “Il Tempio del Karate”, arrivando a fregiarsi della cintura nera.  Ha fatto parte della squadra vincitrice del titolo di “Campione Italiana a Kata” ed è stato sempre presente agli allenamenti e alle manifestazioni che si sono tenute in Italia e all’estero. Insieme alla grande passione per il karate Chaves ha unito quella per l’alpinismo, con le arrampicate in alte vette, amando soprattutto le scalate in solitaria” . La medaglia è stata consegnata ai genitori di Andrea, Yonni e Patrizia, che hanno mostrato al pubblico i filmati delle attività sportive di Andrea, insieme ad una pagina del suo diario letta da due atleti de “Il Tempio del Karate”.

Ad essere premiato, poi,  come dirigente sportivo dell’anno è stato Danilo Caglieris, per oltre un decennio  presidente della Società Ginnastica “Forza e Virtù”. È stato ricordato nelle motivazioni che “Caglieris è diventato presidente della società nel 2005, in un periodo di crisi. Nei suoi dodici anni di attività ha portato la “Forza e Virtù” a livelli straordinari, grazie anche alla sua collaborazione con gli enti, le istituzioni e le famiglie. La società in questi dodici anni di presidenza è passata dalla serie C alla serie A1, il massimo livello nazionale. A marzo di quest’anno Caglieris, il dirigente più medagliato nei centoventicinque anni della “Forza e Virtù” ha concluso la sua presidenza rimanendo però come presidente onorario – sempre con l’impegno e la passione di sempre – di una società sportiva considerata tra le grandi dell’Italia ginnica.

Al termine della consegna dei premi sono saliti sul palco i giovani atleti della “Forza e Virtù” insieme a Danilo Caglieris e gli atleti de “Il Tempio del Karate”, la società di Andrea Chaves, accompagnati dal maestro Gimmo Borsoi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl rilancio del Forte di Gavi parte dal suo “marchio”
Articolo successivoConcessionari autostradali: ora Gavio ritiri i licenziamenti annunciati.