Processo Albano: udienza rinviata per lo sciopero degli avvocati

Slitta al 21 febbraio la deposizione degli ex consiglieri comunali di maggioranza sulle dimissioni presentate nel gennaio del 2020 per far decadere il sindaco Rita Semino.

0
206
tribunale di alessandria
Il palazzo di giustizia di Alessandria

Rinviata l’udienza di domani, 7 febbraio, del processo all’ex sindaco di Gavi, Nicoletta Albano. La causa è lo sciopero degli avvocati penalisti, che ha costretto a far slittare tutto al 21 febbraio, data già indicata nel calendario fissato dal giudice. Domani dovevano essere ascoltati come testi gli ex consiglieri comunali di maggioranza Claudia Bergaglio, Francesco Saia, Mario Pestarino, Alessandro Pestarino (attuale consigliere di minoranza), Valeria Grosso e Pierluigi Roveda per deporre in merito alle dimissioni presentate nel gennaio 2020 per far decadere l’allora sindaco Rita Semino dopo il blitz delle forze dell’ordine in municipio e a casa della Albano: carabinieri e Guardia di Finanza cercavano la lettera di dimissioni oggetto dell’accusa di concussione, poi trovata nell’abitazione di via Cavalieri di Vittorio Veneto. Le modalità delle dimissioni dei consiglieri riguardano il reato di falso di cui devono rispondere Albano e gli altri imputati, cioè il capo dell’ufficio tecnico, Pierpaolo Bagnasco, l’ex segretario comunale Giovanna Sutera e l’ex consigliere di maggioranza Eugenio Rabbia. Fra i testi previsti anche Riccardo Cavaliere, medico chiamato dalla Albano, secondo l’accusa, per far visitare le Semino e stabilire che le dimissioni erano motivate da problemi di salute, lasciando così il Comune in mano al vicesindaco fino alle elezioni.