Bosco Marengo: Santa Croce, cercasi opere d’arte in tutto il mondo

0
766

Cercasi “clienti” a livello mondiale per il centro di restauro di beni artistici internazionali realizzato dentro Santa Croce, a Bosco Marengo. Per la nuova struttura, denominata in inglese International Centre for the Security of Cultural Heritage (ICHS), è partita la fase “promozionale” dopo l’allestimento degli spazi: si cercano in tutto il mondo opere d’arte danneggiate, per esempio, da guerre o calamità naturali, da far restaurare ai migranti, in base a quanto stabilito da Politecnico di Torino, Compagnia di San Paolo e Regione.

“Stiamo prendendo contatti con varie ambasciate – spiega il sindaco Gianfranco Gazzaniga – per poter così avviare questo importante centro di valore internazionale. Personalmente ho già parlato con l’ambasciatore degli Emirati Arabi. Il primo incontro a Santa Croce sarà però con il console generale degli Stati uniti a Milano, il 17 febbraio”. Philip T. Reeker, questo il nome del rappresentate degli Usa nell’Italia settentrionale in carica dal settembre del 2014, quel giorno visiterà l’intero complesso monumentale e in particolare gli spazi dedicati all’Ichs, per il quale sono stati spesi dal Comune con 1,2 milioni di euro: un milione a carico dell’Unione europea, 200 mila euro coperti con 50 mila euro arrivati dalla liquidazione World Political Forum, 30 mila dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, 40 mila dal Comune oltre ad altri soldi ricavati dalla vendita di terreni di proprietà comunale. Reeker il 17 febbraio al mattino sarà a Torino per un incontro al Politecnico dedicato sempre all’Ichs. L’arrivo a Bosco Marengo è previsto intorno alle 13 per il pranzo alla Locanda dell’Olmo. A seguire, dalle 14,30 alle 15,30, la visita all’ex convento di Santa Croce, con l’obiettivo di far conoscere la futura attività e farne un punto di riferimento anche per gli Usa.

 

Lo storico edificio voluto da papa Pio V nel XVI secolo dal 2014 è diventato proprietà del Comune. Si possono visitare il chiostro, il refettorio e la sala Gorbaciov, oltre al museo vasariano con la rappresentazione del Giudizio Universale.