“Julian Assange cittadino onorario di Novi Ligure”

La proposta nella mozione presentata dal consigliere Paolo Coscia (5 Stelle) al Consiglio comunale.

0
152
dal profilo Fb Julian Assange supporters international

Julian Assange cittadino onorario di Novi Ligure. È la proposta lanciata dal consigliere comunale Paolo Coscia (M5s) attraverso una mozione da mettere all’ordine del giorno del Consiglio comunale. L’esponente dei 5 stelle chiede all’assemblea cittadina di aderire all’appello lanciato da molte figure della società civile internazionale, come il premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel, a favore di Assange, giornalista e attivista australiano, “pioniere dell’informazione digitale e del diritto di accesso alla conoscenza, cofondatore e caporedattore dell’organizzazione divulgativa WikiLeaks, organizzazione di fama internazionale e senza scopo di lucro, che ha permesso ai mass media e all’opinione pubblica globale di accedere a notizie, documenti e immagini, occultate da governi ed istituzioni internazionali, inerenti la corruzione bancaria, i crimini di guerra e la violazione della privacy dei cittadini”. Julian Assange, ricorda Coscia, “è rinchiuso ora in un carcere di massima sicurezza della Gran Bretagna con misure restrittive particolarmente severe. Tale condizione, nonché l’eventualità di estradizione negli USA, dove rischia una pena detentiva altissima, hanno suscitato forte protesta e appelli per il rilascio da parte dell’opinione pubblica e di svariate organizzazioni per i diritti umani, fino all’attivarsi del relatore ONU sulla tortura, Nils Melzer, il quale nel novembre 2019 ha dichiarato che Assange deve essere rilasciato e la sua estradizione deve essere negata, dichiarazione successivamente fatta propria anche dal Consiglio d’Europa”. Assange, aggiunge Coscia, “non è una spia ma un giornalista, che mette a conoscenza non i segreti delle nazioni, ma i loro crimini. La difesa della trasparenza, della democrazia e dei diritti umani non può essere oggetto di doppia morale. Non c’è democrazia senza libertà di stampa e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana a ottobre 2022 si è fatta promotrice di una campagna internazionale per la liberazione di Assange”. La persecuzione di Julian Assange “appare un monito a chiunque voglia raccoglierne il testimone nel perseguire il diritto all’informazione libera e indipendente”. Da qui la mozione che impegna il Consiglio e la giunta a conferire la cittadinanza onoraria al giornalista, “secondo principi e idealità che rispecchiano i valori fondanti della Città di Novi Ligure”.