Ogni 25 aprile il tricolore ritorna sulla cima del monte Antola.

0
329
ph. E.Barcellonio

Ritorna sul monte Antola la manifestazione di commemorazione che raduna coloro che amano l’Appennino e vogliono celebrare l’Anniversario della Liberazione con un’escursione, piena di significato, su una delle montagne simbolo della Resistenza, lungo i sentieri calcati settantanove anni fa dai Partigiani e dalle popolazioni delle valli che li aiutarono nella lotta contro i nazifascisti al prezzo di grandi sacrifici.

La manifestazione nata nel 2015 da un’idea dei coniugi Ciprietti, allora gestori del Rifugio Parco Antola, prosegue con successo anche con i nuovi gestori, Linda Ghino e Davide Barbè. L’appuntamento, diventato tradizione, ogni 25 aprile chiama a raccolta escursionisti, famiglie e bikers con lo slogan “Porta un tricolore in Antola” per vivere in compagnia una giornata di riflessione e di festa per ricordare i valori della Resistenza, celebrare quanti si sacrificarono per la Libertà, affermare il valore della Pace, testimoniare la speranza nel Futuro.

Un invito quanto mai attuale anche oggi, in questi mesi sospesi tra un’apparente normalità e un’attualità di guerra in Europa e in Medioriente, tra la prospettiva del riarmo e il desiderio di una pace possibile.

Alle 8.00 del mattino partiranno da varie località, le escursioni programmate da sezioni del CAI, gruppi FIE, gruppi escursionistici e dal Parco Antola, per raggiungere la vetta (elenco su pagina facebook Rifugio) ma, chiunque potrà salire in autonomia portando il proprio tricolore!

Alle 11.00, ritrovo in vetta per la Commemorazione dei Partigiani, delle Popolazioni delle valli Trebbia, Scrivia e Borbera e di quanti combatterono e caddero su questi monti tra il 1943 il 1945 con benedizione e deposizione della corona d’alloro al monumento che sorge vicino alla grande croce.

A seguire alle 12.15 e alle 13.00 tradizionale “rancio del partigiano” nel salone o sulle terrazze aperte al panorama verso il lago del Brugneto, l’Appennino e il mare, composto da polenta, dolce e caffè per cui è consigliata la prenotazione.

Anche in questa edizione ci sarà l’appuntamento culturale; dalle ore 14.00 alle 15.00 incontro con

Guido Levi, ricercatore e storico, che dialogherà sul tema “Dai monti alla città: la Liberazione di Genova”. Professore presso l’Università di Genova e membro del Comitato scientifico dell’ILSREC di Genova, ha dedicato grande attenzione alle vicende dell’antifascismo e della Resistenza, al processo d’integrazione europea e al rapporto tra cinema e storia, ricavandone numerosi saggi e articoli.

La manifestazione che ha il patrocinio del Comune di Propata, dalle 11.00 fino alle 14.00 sarà accompagnata dalla musica di Fabio Casanova con le “Canzoni di Resistenza”.

Il raduno avrà luogo nel rispetto della vigente normativa anti PSA e anche in caso di maltempo, salvo Allerta Meteo Arancione: per informazioni e prenotazioni contattare i gestori del Rifugio dell’Antola: [email protected] e tel.339.487.487.2.

L’Antola aspetta chiunque voglia salire sulla sua vetta con un tricolore per rinnovare la suggestione di un simbolico vessillo che “portato” a piedi con fatica e sudore ritorna in montagna e rinnova l’impegno di coloro che lottarono per costruire la nostra Libertà con la speranza di una nuova Pace.