Roccaforte Ligure racconta. Un libro e… un altare

0
272
Il suggestivo paesaggio di Roccaforte Ligure

Sono due gli appuntamenti in calendario nel suggestivo paese valborberino di Roccaforte Ligure.

Il primo si terrà domani, domenica 1 agosto, in Piazza Fratelli Bisio alle 21 dove, in collaborazione con l’Anpi  di Arquata Scrivia e Grondona sarà presentato il libro “Quella specie di trani: una Milano che non c’è più”. Anche l’autore, Gian Pietro Bernuzzi non c’è più. Lui amava la storia, la Val Borbera, Arquata e Grondona. E proprio a Grondona si era traferito da bambino con la famiglia da Isola del Cantone. Dopo il diploma di ragioneria aveva trovato lavoro a Milano. Tornato sul territorio era stato sindaco di Roccaforte Ligure dal 1995 al 1999.  Ma Milano gli è rimasta nel cuore e, alla città più europea d’Italia ha dedicato questo libro nel quale fa un parallelismo tra il mondo contadino e la grande metropoli. Domani, il figlio Michele, ne parlerà insieme alla professoressa Paola Romana.

Il secondo appuntamento è fissato per venerdì 6 agosto alle 17.30, sul sagrato della chiesa parrocchiale di Roccaforte Ligure. Qui L’archivista Roberto Santamaria e la direttrice dei Beni culturali della Diocesi di Tortona, Lelia Rozzo, ricostruiranno la storia dell’altare maggiore custodito all’interno della chiesa dedicata a San Giorgio, opera attribuibile al celebre scultore Francesco Maria Schiaffino, un capolavoro dell’arte del marmo genovese del Settecento.

I due incontri si terranno all’aperto, nel rispetto delle normative vigenti per il contenimento del contagio da Covid 19.