Torna libero il presidente della Fondazione Cr Tortona Dante Davio

Coinvolto nell'indagine milanese sul fallimento della Italtrading, società del gruppo Geifin, era agli arresti domiciliari da metà settembre

0
556

E’ stato rimesso in libertà il commercialista tortonese Dante Davio: sono stati revocati gli arresti domiciliari ordinati dal gip di Milano il 12 settembre scorso e ha ripreso le sue funzioni di presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona.

Nella riunione di oggi, 14 novembre, il Consiglio dell’ente prenderà atto del venir meno delle cause di sospensione.

Dopo il lungo interrogatorio che si é svolto alla fine della scorsa settimana, i difensori di Davio avevano presentato istanza di revoca che è stata accolta dal gip.

A settembre fu messo ai domiciliari anche il tortonese Fabrizio Longa, già presidente del Parco scientifico tecnologico, che è stato interrogato a fine settembre e rimesso in libertà alcuni giorni dopo.

I due sono rimasti coinvolti nell’indagine della procura milanese sul fallimento della Italtrading (dichiarato il 26 ottobre 2017), con l’accusa di bancarotta documentale e patrimoniale, per un giro di fatture false, secondo l’accusa di 53 milioni di euro, tra questa società e la Geifin, il Gruppo energetico italiano, capogruppo, anch’essa fallita (il 18 gennaio scorso).

Davio era membro del collegio sindacale di entrambe le società, mentre Longa era amministratore di Libera Energia, operatore indipendente di gas e luce tra i più importanti, di cui Italtrading deteneva un pacchetto di quote.