Vendite in calo a ottobre e novembre, ora si spera negli acquisti di Natale

Il presidente dell'Unione Commercianti di Tortona, Orlando De Luca, analizza l'andamento del 2017

0
1252
albero di Natale

Autunno in frenata per il commercio, ora si spera in un Natale capace di invertire la tendenza. Il presidente dell’Unione Commercianti di Tortona, Orlando De Luca, analizza l’andamento del 2017 ed è molto preoccupato per il 2018.

orlando de luca
Orlando De Luca

“Dopo il rimbalzo positivo di settembre – dice -, ad ottobre e novembre le vendite tornano a calare, registrando la peggiore frenata dell’anno, sia rispetto al mese precedente che sull’anno. Senza un Natale positivo che riesca ad invertire la tendenza, sarà difficile che il 2017 del commercio Tortonese si chiuda in attivo”.

E aggiunge: “Ad allarmarci, infatti, è un andamento delle vendite che fino a questo momento è stato decisamente sotto tono. Nei primi 11 mesi dell’anno, nonostante la bassa inflazione, la dinamica è rimasta negativa, e appare difficile che le performance  di dicembre possano portare il 2017 a ribaltare il risultato, anche se i segnali cautamente ottimistici che registriamo tra i consumatori per il Natale ci portano a nutrire qualche speranza in più per le feste”.

Lo scenario generale rimane comunque preoccupante, soprattutto per i negozi di vicinato, la cui situazione, pure all’interno di un ottobre e novembre negativo per tutti i format, appare comunque particolarmente grave: le imprese hanno registrato un vero crollo, con un calo del volume di vendite mese su mese che, secondo le stime dell’Unione Commercianti, arriva al -3/4%.

“Dati che dimostrano come il tema della salvaguardia dei negozi di vicinato – essenziali non solo per la nostra economia e per l’attrattività turistica delle nostre città, ma anche per la qualità della vita e la sicurezza dei territori – sia sempre più centrale – dice il presidente dell’associazione -. Per questo chiediamo  alla politica di fare la sua parte a livello centrale,  dove chiediamo a gran voce di  abbassare le tasse che ci stanno letteralmente strangolando, mentre a livello locale la politica deve aiutare i piccoli commercianti  in  difficoltà agendo con sgravi sull’ Imu, la Tasi, e la Tari. Un intervento che riteniamo possa dare nuovamente ossigeno a tutte le attività commerciali di quartiere, fermando la desertificazione dei negozi  sia in centro che in periferia. Auguriamo un Buon Natale a tutti i nostri soci, ai colleghi commercianti e a tutti i cittadini tortonesi”.